1 Sant’Egidio

Romano, classe 1955,

il cardinale Matteo Zuppi

da quando aveva 18 anni

è vicino alla Comunità

di Sant’Egidio, una delle

realtà più sociali della Chiesa. Prima si è

impegnato nelle scuole

popolari, all’interno delle periferie capitoline (se non avesse fatto il prete, avrebbe voluto essere maestro elementare), poi a favore degli immigrati

2 Berretta rossa

Ordinato vescovo

nel 2012, per volere

di Benedetto XVI, è ausiliare di Roma

fino a cinque anni fa,

quando papa Francesco

lo nomina ordinario di Bologna. Nell’ottobre scorso lo fa cardinale Nell’episcopato italiano

è annoverato fra i presuli più progressisti: sostiene una Chiesa inclusiva verso migranti, risposati, gay e lesbiche