Non solo calcio. Anche baseball, basket, football e Formula Uno si stanno avvicinando al business delle criptovalute. O coi Fan Token o, più semplicemente, come sponsor. Il principio è sempre lo stesso, come spiega Sina Nader, direttore operativo Usa della Borsa di criptovalute Ftx al Financial Times: "Gli sport catturano l’immaginazione di miliardi di persone. Noi aspiriamo a raggiungerli". Il veicolo è quello delle sponsorizzazioni: una pioggia di denaro per supportare le leghe sportive o direttamente gli atleti. L’anno scorso è stato il turno della Major League Baseball, l’accordo con Ftx ha un valore stimato di 18 milioni di dollari. Sempre Ftx ha arruolato il noto giocatore di football americano, Tom Brady, come ambasciatore e sua moglie, la modella Gisele Bündchen (entrambi nella foto), come consulente.

Nell’Nba – cioè il basket americano – pionieri sono stati i Portland Trail Blazers, che hanno siglato un’intesa con StormX, altra società legata alle criptovalute. E in Giappone, sempre nella pallacanestro, si registra un boom di fan token. Infine, la Formula Uno ha incassato da Crypto.com, società che fornisce ’portafogli digitali’ per pagare in criptovalute, circa 30 milioni di dollari l’anno per la sponsorizzazione.