Lampedusa, 25 novembre 2019 -  La Guardia costiera ha diffuso alcune immagini dei momenti successivi al naufragio di migranti avvenuto sabato 23 novembre, ad un miglio circa dall'isola dei Conigli di Lampedusa. Nel video, ritwittato anche dal ministro Paola De Micheli, si sentono le urla disperate dei bambini e le richieste di aiuto - altrettanto struggenti - di uomini e donne finiti in mare. I militari hanno cercato di portare in salvo tutti: cominciando proprio dai piccoli. Scene che hanno immortalato anche il lavoro eccezionale degli uomini della Guardia costiera che sono riusciti a salvare 149 persone, fra cui un bimbo di neanche un anno e un ipovedente. I dispersi dovrebbero essere una quindicina.

Sono stati finora recuperati in mare i cadaveri di cinque donne. Una di loro aveva addosso il suo passaporto e quello delle due figlie piccole. Le due minori si trovano all'hotspot dell'isola, salvate dall'intervento della Guardia costiera. Gli inquirenti, grazie al Dna e alle fotografie scattate dalla Polizia scientifica, stanno adesso cercando di arrivare alla identificazione delle vittime. A causa del maltempo le ricerche, nella giornata odierna. sono proseguite esclusivamente in aereo.