27 feb 2022

"La Nato starà alla larga dal conflitto. Nessuno vuole una guerra nucleare"

Il generale Bertolini: "Lo scontro non va generalizzato. Per Putin inviare armi in Ucraina è un atto ostile"

beppe boni
Cronaca
epa09787457 Ukrainian servicemen take up position as they prepare to defend near of Kiev, Ukraine, 26 February 2022. Russian troops launched a major military operation on Ukraine on 24 February, after weeks of intense diplomacy and the imposition of Western sanctions on Russia aimed at preventing an armed conflict in Ukraine.  EPA/ALISA YAKUBOVYCH
Soldati ucraini (Ansa)

Sul terreno ucraino la Grande Madre Russia lancia l’offensiva a tutto campo, mentre la tensione sale come alta marea nella Situation room dei Paesi che ruotano intorno alla Nato. I confini bruciano sul fronte dell’Est. Fino che punto l’Alleanza atlantica rischia coinvolgimenti? Lo chiediamo al generale Marco Bertolini, paracadutista, già comandante delle Forze speciali e primo ufficiale italiano nominato capo di Stato maggiore nella missione Isaf in Afghanistan.   Perché a un recente vertice sono state invitate Svezia e Finlandia, ester ne alla Nato? "La Russia, infatti, ha protestato. La Nato è una creatura degli Stati Uniti che operano per un accerchiamento della Russia, dai Paesi baltici in giù".   Un film già visto. "Finché c’erano Gorbaciov e Yeltsin la Russia incassava più facilmente. Putin ha rivitalizzato le forze armate e rinvigorito l’orgoglio nazionale. E non vuole essere accerchiato".   La Nato deve mettere in conto scontri ai confini baltici? "Farà di tutto per evitarlo perché non ci sono i presupposti. L’Ucraina è fuori dalla Nato. Certo è che la Russia non cede e vede l’avvicinamento della Finlandia come un’altra minaccia. Gli Usa premono verso una riedizione della Guerra fredda e l’Europa in questo senso rischia di essere un campo di battaglia".   La Nato si rinforza sui confini baltici, in Polonia, Romania. "Questi schieramenti sul terreno e con aerei intercettori di Air policy esistono da sempre. E ovvio che ora aumentino".   In caso di incidente bellico fra uomini dell’Alleanza e russi si rischia la deriva nucleare? "Qualche scaramuccia è teoricamente possibile, per quanto improbabile, ma a nessuno conviene un conflitto nucleare. È l’estrema ratio".   Eppure il mondo ha paura. "Proprio perchè sono potenze nucleari Usa e Russia non sono mai venute direttamente alle mani. Hanno rischiato con la crisi dei missili di Cuba. Poi stop".   Come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?