Napoli, 10 gennaio 2018 - "I treni che adesso circolano sono adeguati per dimensione alle gallerie, questa è una delle 25 opere strategiche italiane, non può passare l'idea che sia sbagliata, altrimenti il Governo non le avrebbe messe tra le 25 opere strategiche nazionali. Non c'è nessuna incompatibilità tecnica". Lo ha detto l'assessore ai trasporti del Comune di Napoli Mario Calabrese facendo il punto sulle polemiche sulle presunte dimensioni errate delle gallerie della linea 6 della metropolitana di Napoli. 

Calabrese ha spiegato che nel completamento della Linea 6 della Metropolitana di Napoli che collega il centro all'area occidentale della città "seguiamo i programmi fatti dalle amministrazioni precedenti e dalla nostra. In questa prima fase circoleranno i treni da 25 metri ristrutturati, successivamente, facendo il deposito officina di via Campagna e la galleria, passeranno i nuovi treni da 39 metri".

"Abbiamo avuto i finanziamenti e ci sarà tutto il tempo per far andare le due cose di pari passo: la galleria e i treni nuovi. Nel transitorio, funzioneranno i treni da 25 metri e questa è la strategia che è sempre stata pensata e programmata. Per questo è stato previsto il deposito provvisorio che ha un'asola da cui sono stati calati i treni da 25 metri e sono stati messi in linea per l'esercizio dal 2007 al 2013. Si è previsto di proseguire prima verso piazza Municipio per poter chiudere il cantiere e completare la stazione di interscambio tra linea 1 e linea 6. Negli atti approvati, nel 2002, c'è poi la realizzazione del deposito di via Campagna e della galleria al di sotto dei binari di piazzale Tecchio. Abbiamo avuto i fondi, nell'ambito del Patto per Napoli, per realizzare questo pezzo e nel frattempo, un paio d'anni, arriveranno anche i treni che così potranno essere messi sui binari e scendere. La tratta partirà in esercizio con i treni vecchi e poi saranno integrati quelli nuovi".