22 gen 2022

Mosca provoca: via i soldati Nato Gli Stati baltici inviano armi a Kiev

Il russo Lavrov: "Fuori l’Alleanza da Romania e Bulgaria". L’Olanda: "Sosterremo l’esercito dell’Ucraina"

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken. col ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov
Il segretario di Stato Usa Antony Blinken. col ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov
Il segretario di Stato Usa Antony Blinken. col ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov

I negoziati continuano, la tensione cresce, l’impasse regna. L’incontro tra il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il suo omologo russo Sergei Lavrov a Ginevra ("franco e sostanziale") c’è stato – non era scontato – ma ha certificato nuovamente la distanza tra le parti. Mosca si è presentata chiedendo il ritiro degli effettivi Nato da Bulgaria e Romania, come già esplicitato nelle bozze di trattato pubblicate a dicembre. Proposte respinte con sdegno dai due stessi Paesi dell’alleanza, oltre che dalla stessa Nato. Lavrov ha preteso nuovamente "risposte scritte" e Blinken le ha promesse per la prossima settimana. Ma ha anche intimato al Cremlino di "fornire prove" che non sta preparando l’invasione dell’Ucraina. Mentre la Russia ha replicato minacciando "serie conseguenze" se le sue richieste saranno ignorate. Il dialogo dunque continua. Blinken ha suggerito l’ipotesi di un nuovo summit Putin-Biden "se può essere la soluzione" per risolvere la crisi. Il Cremlino ha preso nota. Ma poi sul campo la situazione vira e prende tinte fosche. L’Olanda ha dichiarato di aver ricevuto una richiesta di armi "difensive" dall’Ucraina e di essere "disponibile", dato che c’è una maggioranza parlamentare a favore. È l’ultima tessera del mosaico, dopo lo slancio in avanti di Londra, che ha consegnato sistemi anticarro, e l’ok degli Stati Uniti ai Paesi baltici di fornire a Kiev armamenti made in Usa (missili anticarro e antiaerei). Inutile dire che Mosca giudica "negativamente" tali sviluppi. Washington sta inoltre valutando se evacuare i membri delle famiglie del personale diplomatico in Ucraina, tanto per dire l’aria che tira (una misura che sembra al momento "non allo studio" da parte dell’Unione Europea). I segnali insomma non sono positivi e la confusione, al di là dei proclami, è tanta. Il boccino ce l’ha in mano il Cremlino e ogni decisione finale spetta a Vladimir Putin. Nessuno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?