21 apr 2022

Mosca lancia un super missile Lo zar vuole spaventare il mondo

Provata un’arma intercontinentale che supera le difese Usa. Putin: "Farà riflettere chi ci minaccia". Continua il bombardamento su Mariupol, fallisce il tentativo di evacuare i civili nascosti nell’acciaieria

alessandro farruggia
Cronaca
Un pattugliamento dei soldati ucraini nella prima linea di Mykolaiv, quasi 500mila abitanti nel sud del Paese, dopo la distruzione lasciata dalle truppe russe
Un pattugliamento dei soldati ucraini nella prima linea di Mykolaiv, quasi 500mila abitanti nel sud del Paese, dopo la distruzione lasciata dalle truppe russe
Un pattugliamento dei soldati ucraini nella prima linea di Mykolaiv, quasi 500mila abitanti nel sud del Paese, dopo la distruzione lasciata dalle truppe russe

Bombe sull’Ucraina, un missile strategico intercontinentale per il mondo. Agisce localmente ma intimidisce globalmente la Russia di Vladimir Putin, che mentre tenta di sfondare nel Donbass, effettua con successo dal cosmodromo di Plesetsk, nella regione di Arkhangelsk, un lancio di prova del missile balistico intercontinentale RS28 Sarmat. "È davvero un’arma unica, impareggiabile – ha commentato il presidente russo con una dichiarazione in tv – è in grado di eludere qualsiasi sistema di difesa antimissile e aumenterà il potenziale militare delle nostre forze armate, manterrà la Russia al sicuro dalle minacce esterne e farà pensare due volte coloro che cercano di minacciare il nostro Paese con una retorica selvaggia e aggressiva". L’Occidente è avvisato. Progettato per eludere le difese missilistiche, il Sarmat consente di inserire in zona suborbitale e poi portare sull’obiettivo fino a 15 testate nucleari o 24 veicoli ipersonici Avangard. Con un raggio d’azione di circa 18.000 km, il Sarmat è in grado di colpire qualsiasi punto del globo eludendo le difese ABM statunitensi oggi in servizio, semplicemente ricorrendo ad una traiettoria da sud, che passi al di sopra del polo sud terrestre, zona non coperta da alcun apparato radar di early warning o sistema missilistico difensivo. Nel frattempo la Russia continua la sua pressione militare sul Donbass e il sud dell’Ucraina. A Mariupol continuano a cadere bombe, e il corridoio umanitario allestito per ieri sostanzialmente non ha funzionato. "Le evacuazioni di civili da Mariupol – Kiev sperava che almeno seimila persone fossero in grado di lasciare la città – non sono andate come previsto" ha ammesso la vice premier ucraina Iryna Vereshchuk. "Nessuno, né militari né civili, ha utilizzato il corridoio umanitario aperto per le evacuazioni dall’acciaieria di Mariupol" ha confermato la difesa russa. Ovviamente le due parti si rimpallano la responsabilità del fallimento. Continua intanto la pressione sulla ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?