Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 feb 2022

Mosca apre all’intesa: pace possibile. Ma le truppe sono pronte all’invasione

I russi giocano su due tavoli, l’America non si fida e sposta la sua ambasciata da Kiev a Leopoli. Berlino e Londra in campo per evitare il conflitto. Kiev si prepara a fronteggiare un attacco domani

15 feb 2022
giampaolo pioli
Cronaca

di Giampaolo Pioli A Kiev Il presidente ucraino Zelensky prova a incitare il Paese: "Sono stato informato che mercoledì ci sarà l’attacco russo e l’invasione. Noi dichiariamo invece quella la giornata di unità nazionale e l’intero Stato sarà compatto nella difesa della sua indipendenza e nella denuncia dell’aggressione russa". Poche ore e Zelensky, l’ex comico divenuto presidente, cambia registro. Ammette di essere stato ironico, si corregge e accusa i media di aver distorto le sue parole. Confusione, paura e isteria si mischiano in queste ore concitate in Ucraina e pure il presidente ci mette del suo. Che comunque la situazione sia sull’orlo del precipizio lo si capisce dalla mossa degli Stati Uniti che annunciano di aver chiuso temporaneamente l’ambasciata a Kiev per spostarla a Leopoli, città quasi sul confine polacco. Zona più sicura almeno dal fuoco dell’artiglieria russa sul confine ucraino. A Mosca, intanto, il tavolo che separa Vladimir Putin dai suoi interlocutori diventa sempre più lungo. Ieri il ministro degli esteri Lavrov per mantenere la distanza di sicurezza anti-Covid è stato costretto ad urlare per farsi ascoltare dal grande capo del Cremlino lontano oltre 15 metri. Ci sarebbe da ridere, se la situazione geopolitica non fosse drammatica. Molti analisti vedono in questa ostentata prudenza sanitaria di Putin, ripresa anche dalla televisione russa, una sorta di difficoltà nel proiettare la sua immagine di leader duro e inflessibile. Lavrov è stato ripreso in diretta, mentre diceva a Putin: "Ci sono chance per trovare un accordo con l’Occidente, la diplomazia ha ancora tempo e spazio per agire". E il comandante delle forze armate aggiungeva: "Gran parte delle manovre di addestramento sono state completate, altre termineranno presto". Il Cremlino, insomma, fa filtrare i primi segnali morse verso una potenziale de-escalation. "Il presidente Putin è disposto a negoziare, l’Ucraina è solo parte del più grande problema ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?