Antonio De Rasis, una delle vittime delle Golde del Raganello (Ansa)
Antonio De Rasis, una delle vittime delle Golde del Raganello (Ansa)

Civita (Cosenza), 21 agosto 2018 - Tragico il bilancio delle vittime nelle Gole del Raganello in Calabria. Sono 10 i morti accertati dalla Protezione civile: tra loro una guida esperta della zona, residente nel cosentino, due donne e un uomo di origine campana, due giovani di Roma, un 35enne e una 34enne, tre pugliesi, una ragazza di 27 anni, una di 31 e un quarantenne, una donna di origine bergamasca. Dalle prime ricostruzioni sembra che le persone coinvolte, 44, si trovassero nella zona per una gita, più che per una escursione vera e propria. 

BIMBA_33145180_124707

IL VOLONTARIO DI RIGOPIANO - Tra le vittime c'è Antonio De Rasis, 32 anni, volontario della Protezione civile, che a gennaio 2017 aveva preso parte ai soccorsi dell'albergo di Rigopiano, travolto da una valanga che uccise 29 persone. "Sicuramente - ha detto Antonio Carlomagno, sindaco di Cerchiara - con la sua alta esperienza, nel contesto di questo dramma improvviso, avrà prestato e tentato di dare il massimo soccorso ai componenti del gruppo. Ricordiamo Antonio - ha continuato il sindaco - un ragazzo di 32 anni che prestava con abnegazione e con grande spirito di sacrificio la propria attività nel settore dell'escursionismo ma anche del volontariato e della protezione civile. Un ragazzo solare, propositivo, pieno di vita. Certamente siamo attoniti di fronte a questa tragedia che ci colpisce sia come istituzione ma soprattutto come comunità".

RAGANELLO_33142921_232044

LA MAMMA DI TORRE DEL GRECO - Non ce l'ha fatta Maria Immacolata Marrazzo, avvocato di Torre del Greco (la stessa località da dove provenivano anche i quattro ragazzi morti nel crollo del ponte a Genova). Si trovava in vacanza con la famiglia a Civita: la donna lascia il marito, Giovanni Sarnataro, anch'egli avvocato, e due figli di 9 e 11 anni. Tutti e tre si sono salvati e risultano tra i feriti, ricoverati in ospedale.

I GENITORI DI CHIARA - Da Qualiano (Napoli) venivano la docente Carmela Tammaro e l'impiegato Antonio Santopaolo, i genitori di Chiara, la bambina di 8 anni rimasta ferita e trasferita al Gemelli di Roma e di un'altra piccola rimasta illesa. A dare la tragica notizia della morte dei due coniugi è Raffaele De Leonardis, il sindaco di Qualiano che esprime "il più profondo cordoglio per le vittime e la vicinanza alle loro famiglie, con cui ci siamo messi già in contatto per assicurare tutto il supporto morale e materiale di cui ci sarà bisogno". Il sindaco aggiunge inoltre che "al ritorno delle salme dopo gli esami autoptici verrà indetto un giorno di lutto cittadino".

LA RICERCATRICE BERGAMASCA - Proveniva da Bergamo Paola Romagnoli, la ricercatrice che da anni lavorava come immunologa in Francia. La donna, 55 anni, si trovava in Calabria insieme al marito olandese, rimasto ferito tra le Gole del Raganello. Dopo la laurea alla Statale di Milano, Paola si era trasferita all'estero: ha lavorato a Basilea, Bethesda negli Stati Uniti, Losanna e infine in Francia dove viveva con il marito.

LE DUE AMICHE PUGLIESI - Erano amiche inseparabili Miryam Mezzolla, 27 anni di Torricella in provincia di Taranto, e Claudia Giampietro, 31 anni originaria di Conversano, nel barese. Entrambe ballerine, erano in vacanza insieme sul Pollino. Su Facebook sono spesso fotografate insieme abbracciate, con gli amici e nelle prove dei balletti. 

L'AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA - Tra le vittime anche un altro pugliese, Gianfranco Fumarola, 44 anni di Martina Franca (Taranto). Quest'ultimo era un agente di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Taranto e aveva tre figli. I due più grandi, di 11 e 12 anni, erano insieme a lui nell'escursione: sono rimasti feriti. La moglie e il figlio più piccolo, di 4 anni, erano rimasti a casa.

I FIDANZATI ROMANI - Non ce l'hanno fatta anche i due fidanzati romani Carlo Maurici, 35 anni, e Valentina Venditti, 34 anni.