23 apr 2022

Morta nell’Adda, il compagno confessa: "Lei mi voleva lasciare"

Carlo Fumagalli, il 49enne arrestato con l’accusa di omicidio per aver causato la morte della convivente, Romina Vento, per annegamento, ha risposto ieri, ricoverato in ospedale a Bergamo, alle domande del gip nell’interrogatorio di convalida. Di fatto l’uomo ha confermato quanto già ricostruito dai carabinieri. Ha raccontato di aver perso la testa quando la compagna gli ha detto che lo avrebbe voluto lasciare. Martedì Fumagalli era passato a prendere in auto la compagna al lavoro: con loro inizialmente c’era anche un collega che è stato accompagnato a casa. A quel punto Fumagalli ha chiesto alla donna se davvero lo volesse lasciare: alla conferma di lei, ha accelerato e si è diretto verso l’Adda, gettandosi nel fiume con l’auto e "accettando l’ipotesi di morire anche lui", come ha spiegato il difensore, l’avvocato Fabio Manzari. "Da cinque settimane – ha aggiunto il legale – aveva interrotto la cura che seguiva per una patologia psichiatrica". Giovedì in cella ha visto la corda di una tenda e ha manifestato l’intenzione di usarla: motivo per cui è stato ricoverato in ospedale.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?