Giovedì 18 Luglio 2024

Morta Maria Fida Moro, figlia di Aldo il leader Dc assassinato dalle Br

Era la primogenita dell’esponente della Democrazia Cristiana. E’ stata a sua volta politica e senatrice

Roma, 7 febbraio 2024 – E’ morta Maria Fida Moro, primogentita del leader Dc prima rapito e poi assassinato il 9 maggio del 1978 dalle Brigate rosse. 

Maria Fida Moro si è spenta, a seguito di una lunga malattia, a 77 anni in una clinica romana. Nella sua vita aveva subito tre pre infarti e già sofferto di alcuni tumori con varie ricadute. Risiedeva da tempo a Fiano Romano. E' stata senatrice nella X legislatura, dal 1987 al 1992, eletta con la Dc e passata poi al gruppo di Rifondazione comunista come indipendente per approdare, infine, al misto. 

Morta Maria Fida Moro, figlia del leader Dc
Morta Maria Fida Moro, figlia del leader Dc

Nel 2016 si è candidata al Comune di Roma come capolista di 'Piu' Roma - Democratici e Popolari' a sostegno di Roberto Giachetti. Ha raccontato la storia della sua famiglia nel libro 'La casa dei cento Natali', edito da Rizzoli. Suo figlio, Luca Moro, è l'amato nipote al quale Aldo Moro faceva riferimento nelle sue lettere dalla prigionia.

La famiglia ha fatto sapere che i funerali si terranno in forma strettamente privata.

"È morta la ex senatrice Maria Fida Moro, che commemoreremo in un'altra seduta, ma alla quale vogliamo rivolgere un pensiero deferente e qualche attimo di silenzio”. Così in Aula del Senato il presidente Ignazio la Russa annuncia la scomparsa della figlia del leader Dc Aldo

Moro.

La vita politica

Nella sua vita Maria Fida Moro ha militato in diversi partiti venendo eletta in Senato nel 1987 con la Democrazia Cristiana, poi lasciata nel 1990 per passare, da indipendente, al gruppo di Rifondazione Comunista, dove è rimasta fino alla fine del 1991. Nel 1993 si candida come sindaca di Fermo con il Movimento Sociale Italiano e partecipa in seguito alla costituzione di Alleanza Nazionale. Nel 2008 aderisce al Partito Radicale. Nel 2016 si è candidata al Comune di Roma come capolista di 'Più Roma - Democratici e Popolarì sostenendo Roberto Giachetti. Gran parte della sua vita è stata dedicata alla ricerca delle verità, a suo parere nascoste, sull'uccisione del padre e per questo ha fondato l'Associazione Radicale “Sete di verità”. Nel 2013 insieme al figlio e altri ha fondato il movimento cristiano sociale “Dimensione Cristiana con Moro”, ispirato alla politica dello statista democristiano. Si è invece mostrata contraria alla rielaborazione cinematografica del rapimento Moro, esprimendosi molto duramente contro la serie “Esterno notte”, di Marco Bellocchio.