Soccorso alpino (Ansa)
Soccorso alpino (Ansa)

Roma, 3 settembre 2021 - Nuova tragedia sulle montagne piemontesi dove oggi sono stati ritrovati, entrambi senza vita, due escursionisti che risultavano dispersi da ieri, uno in Valle Gesso, nel cuneese, e l'altro sul Pian della Mussa, sopra Balme nel torinese. In entrambe le aree delle Alpi piemontesi dove sono avvenuti gli incidenti le ricerche sono state rese difficili dal maltempo.

In particolare, in Valle Gesso, un'apertura delle nuvole nel primo pomeriggio ha consentito un sorvolo dell'elicottero dei Vigili del Fuoco con a bordo anche un tecnico del Soccorso alpino piemontese. Si è deciso di concentrare le ricerche nella Gorgia Argentina dove, è stata ritrovata la salma, probabilmente precipitata per oltre 100 metri lungo un versante caratterizzato da pendii ripidi e salti di roccia. Si tratta di un escursionista 37enne di origini argentine, Pablo Benzo, che viveva a Torino. Il recupero della salma è avvenuto con l'elicottero: sul posto è intervenuto anche il Soccorso alpino della Guardia di Finanza.

L'altra operazione, nel comune di Balme, iniziata la notte scorsa, non si è ancora risolta in quanto la salma del disperso è stata ritrovata, ma non ancora recuperata perché il meteo in zona non consente le operazioni con l'elicottero. Il ritrovamento da parte di una squadra a terra del Soccorso alpino piemontese e del Soccorso alpino della Guardia di Finanza è avvenuto nella zona del Canale di Arnas, a valle del rifugio Gastaldi, in una zona impervia dove, presumibilmente l'escursionista è precipitato nella giornata di ieri, dopo aver perso il sentiero a causa della nebbia. Nelle prossime ore si valuterà se occorrerà procedere via terra. Sul posto anche i Vigili del Fuoco.