"L’Unione Europea ha dato prova di lungimiranza e tempestività nel mettere a punto strumenti volti a favorire la ripresa e la crescita economica del Continente. Il Piano per l’Italia, in cui è prezioso il contributo delle Regioni, rappresenta un impegno ineludibile. Impegno correttamente avvertito non come il passaggio di una diligenza cui attingere ma come un’occasione di storico rilancio del sistema Italia, con modalità di coinvolgimento e collaborazione compatibili con la pressante urgenza di definizione". Ecco il monito lanciato dal presidente Mattarella in occasione dell’incontro con i governatori per i 50 anni della nascita delle Regioni a statuto ordinario. Un modo per invitare la politica a una programmazione seria dei fondi europei, che eviti appunto "assalti alla diligenza". "È un appuntamento da non perdere per incidere su nodi strutturali con riforme e investimenti commisurati", chiude il capo dello Stato