Roma, 5 giugno 2018  - E' scattata l'ora X: come annunciato, puntuale alle 12 di oggi, il Miur ha reso noto le commissioni per gli esami di Stato 2018 con i nomi di tutti i commissari esterni. Uno snodo chiave per gli oltre 500mila studenti iscritti alla Maturità, che affidano le loro sorti a tre professori (su sei) sconosciuti, cui si aggiunge il presidente della commissione, anche lui (o lei) esterno (a). In alcuni casi gli uffici scolastici hanno anticipato il Ministero dell'Istruzione, comunicando ieri sera sui propri portali l'elenco già fornito alle segreterie degli istituti. Vale, ad esempio, per Roma, Napoli, Belluno, Agrigento, Catania, Viterbo, Matera, Cremona, Bergamo, Macerata e Potenza. In altri casi è stata la scuola a informare direttamente i ragazzi. Infine, in tarda mattinata, il Miur ha attivato il link tanto atteso. 

TROVA LA TUA COMMISSIONE - Per trovare la propria commissione è a disposizione un motore di ricerca: basta inserire il nome del proprio istituto e la provincia e il gioco è fatto (Trova qui la tua commissione). 

CHI E' IL COMMISSARIO ESTERNO? Una volta svelata l'identità dei commissari, partono le 'indagini' degli studenti. Com'è il prof? Da dove viene? E' severo? Ha qualche particolare 'fissazione'? Informazioni che si recuperano soprattutto attraverso il passaparola: la 'fonte primaria' sono i propri insegnanti. Secondo una ricerca di Skuola.net, il canale preferito per restano infatti i propri docenti (31%), ma anche la pista 'tech' è molto battuta, con due scuole di pensiero a confronto: il 26% si affiderà a un social network, il 20% ai siti internet specializzati per studenti. Già presa d'assalto la pagina Facebook 'Maturità 2018', dove gli alunni si scambiano anche i dati sui prof. Solamente il 6% resta legato agli stratagemmi del passato e andrà direttamente nella scuola dove insegnano i prof esterni. 

DATE PROVE SCRITTE E MATERIE - La prima riunione plenaria delle commissioni è fissata per lunedì 18 giugno, alle ore 8.30. Mercoledì 20 giugno è il giorno della prima prova scritta, il tema d'italiano, che inizierà alle 8.30 e avrà come sempre una durata massima di 6 ore. La seconda prova - matematica per lo Scientifico, greco per il Classico - è in calendario giovedì 21 giugno alle ore 8.30 (in questo caso invece la durata dipende dall'indirizzo dell'istituto ed è variabile dalle 4 alle 8 ore, fatta eccezione per Licei musicali, coreutici e artistici, dove la prova può svolgersi in due o più giorni). La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d`esame, è in calendario lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 8.30. La quarta prova, che si effettua nei Licei e negli Istituti tecnici presso i quali sono presenti i progetti sperimentali di doppio diploma italo-francese Esabac ed Esabac Techno e nei Licei con sezioni ad opzione internazionale spagnola, tedesca e cinese, è programmata per giovedì 28 giugno alle 8.30.