Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 mag 2022

Bolzano, voti ritoccati al figlio: provveditore nei guai. "Non può avere meno di 8"

Il 6 in tecnologia e il 7 in musica sono stati alzati dopo la telefonata al preside dell’istituto. Lui si difende: "Non è vero, nessuna minaccia". Indagati anche il dirigente scolastico e un professore

18 mag 2022
riccardo jannello
Cronaca
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti
Vincenzo Gullotta era il provveditore agli studi (oggi è sovrintendente) all’epoca dei fatti

Un rimpallo di accuse e scuse, di inchieste aperte e minacce di ritorsioni e querele per un 6 in tecnologia diventato 8 nella città considerata da molte classifiche la più civile d’Italia e con la qualità della vita migliore, Bolzano. Il provveditore agli studi, ora sovrintendente, il dirigente di una scuola media, e un professore hanno ricevuto la comunicazione di chiusura delle indagine della Procura. I reati ipotizzati sono quelli, in "concorso morale e materiale", di "errore determinato dall’altrui inganno, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e induzione indebita a dare o promettere utilità". Una formula tecnica per una vicenda che se fosse confermata in giudizio sarebbe preoccupante soprattutto da un punto di vista morale. I fatti secondo l’inchiesta. Il sovrintendente Vincenzo Gullotta a maggio 2020 legge la pagella del figlio promosso dalla seconda alla terza media nell’istituto Ugo Foscolo di cui è dirigente Franco Lever. Gli si strabuzzano gli occhi quando trova il 6 di tecnologia e il 7 di musica, uniche eccezioni a un florilegio di 8. Invece di felicitarsi col figlio, il provveditore – ciò dice la Procura – prende il telefono, chiama Lever e chiede "adirato" come mai il pargolo avesse avuto quei voti finali più bassi di quelli del primo quadrimestre, inducendo, sempre secondo l’accusa, il preside a riconvocare il consiglio di classe e ritoccare quei 6 e 7 che altre famiglie hanno accolto con gioia e lui come un’offesa. Una convocazione senza la quale Gullotta prometteva ritorsioni verso il sottoposto. Lever, obtorto collo, convoca il consiglio; il professor Francesco Migliaccio, quello dell’offensivo 6, accetta di alzare da 6 a 8 la performance del povero pargolo: "Mi sono sbagliato, ho scritto male". Chi invece non ha voluto di sua spontanea volontà alzare il 7 in 8 è il professore di musica, che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?