Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 ott 2020

Mini lockdown, chiusure anticipate. E Speranza vuole vietare le feste a casa

"Facciamo di tutto per evitare la serrata nazionale". Il ministro Lamorgese ammonisce i ristoratori: è saltato il distanziamento tra i tavoli. Oggi il varo del nuovo decreto con misure più restrittive: serrande dei locali abbassate alle 24, norme anti-assembramento in strada

12 ott 2020
antonella coppari
Cronaca
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno
Originario di Potenza, il ministro della Salute Roberto Speranza ha 41 anni: è segretario di Articolo Uno

"Restringiamo le maglie per evitare guai peggiori". Speranza va dritto al punto: visto ciò che succede in Europa, spiega il ministro della Salute, dobbiamo intervenire con nuove misure per tenere a bada la curva dei contagi. Il Dpcm è vicino al traguardo, "probabilmente" vedrà la luce stasera: si tratta di vedere come finirà l’incontro con le Regioni previsto nel pomeriggio, che dovrà trattare il capitolo più spinoso: l’ipotesi di mettere limiti agli spostamenti tra le diverse aree del Paese. Il quadro delle nuove limitazioni è già emerso, ieri è finito sul tavolo del comitato scientifico nazionale che l’ha completato con le norme sulla diagnostica come la quarantena di 10 giorni e i tamponi rapidi, ora si tratta solo di limarle: al premier Conte il compito di trovare una mediazione tra le richieste dei rigoristi e quelle degli aperturisti. Da sciogliere il nodo delle feste private. "Ho proposto il divieto assoluto nelle case e nei locali", spiega il ministro della Salute, capofila dei fautori della linea dura sul Covid. "Teniamo i ragazzi in sicurezza nelle scuole, dove abbiamo investito perché sono essenziali, ma non all’esterno". Di qui la stretta, su cui lo stesso Conte avrebbe più di un dubbio, al pari della ministra renziana Bellanova. "Lo Stato non può entrare nelle abitazioni private. Lo ritengo un principio sacrosanto", ragiona il premier. Ne è consapevole Speranza che infatti si affida alla "responsabilità dei cittadini", annunciando però anche un rafforzamento dei controlli per assicurare il rispetto delle misure. Oltre allo stop agli sport da contatto che tanti mal di pancia creano dentro e fuori il governo, un grosso fronte di scontro è legato agli spettacoli; nel documento di lavoro (smentito dal ministero della Salute) si parla di 100 spettatori al massimo, ma i una fonte del governo spiega che il testo resta fissato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?