Messina, 19 settembre 2020 - Tutto è partito dalla denucia di una mamma. Sei persone sono indagate per detenzione e divulgazione di pornografia minorile dalla procura distrettuale di Messina che ha coordinato un'indagine contro la pedopornografia on-line condotta dalla polizia postale di Catania e Messina, sotto la direzione del Centro Nazionale Contrasto Pedo Pornografia on-line (CNCPO) del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. L'indagine è cominciata dopo la denuncia della madre di un'adolescente che si era accorta della presenza sullo smartphone della figlia di diverse sessioni di chat, con scambio di foto e video di minori nudi in pose erotiche. Oltre ai sei indagati - dice la polizia - sono stati identificati alcuni minori che sono stati segnalati alla procura per i minorenni che contenevano immagini di pornografia minorile. Le province in cui sono avvenute le perquisizioni sono state: Messina, Catania, Palermo, Milano, Napoli e Teramo.