Angela Merkel
Angela Merkel

La Germania è allo sbando. I contagi quotidiani (52.826) continuano ad aumentare, le terapie intensive si riempiono, il numero dei morti (ieri 294) è "spaventoso", e alla luce di tutto questo "non si può dire altro che la situazione della pandemia in Germania è drammatica". Angela Merkel (foto) prova a giocare il residuo carisma di cancelliera per mettere la Conferenza Stato-Regioni, convocata oggi, di fronte alle sue responsabilità tecniche e morali. E per chiedere alla futura coalizione Spd-Verdi-Liberali di spendere il proprio credito per convincere i länder a misure restrittive severe (non tutte le Regioni hanno infatti approvato il G2, il Green pass per soli vaccinati e guariti) e il Senato a darsi una svegliata.

Con solo il 67,7% della popolazione completamente immunizzata (contro l’84% dell’Italia) e una popolazione No vax libera di fare danni, la Germania insegue una rimonta profilattica molto difficile da realizzare (4 milioni di persone si sono sotttoposte al booster accelerato in terza dose), ma non basta, perché alcuni länder hanno le strutture ospedaliere già allo stremo. Secondo Christian Drosten, virologo di punta della Charitè, in assenza di lockdown il Paese rischia 100mila morti.