Meriem Rehaily (Ansa)
Meriem Rehaily (Ansa)

Padova, 28 dicembre 2017 - «Sorella Rim è rientrata in Europa sotto falso nome e rischia di diventare una kamikaze nel nome dell’Isis». A lanciare l’allarme sulla possibile terza vita (già data per morta, lapidata nel Califfato per adulterio, dopo la fuga per unirsi ai tagliagole) della foreign fighter padovana Meriem Rehaily (condannata a 4 anni per terrorismo dal tribunale di Venezia) è il giornale in lingua araba Al Ahdath Al Maghribia, che cita fonti dell’intelligence europea indicando la Francia come il luogo in cui la 22enne potrebbe aver trovato rifugio, dopo essere scampata ai bombardamenti di Raqqa e alle milizie curde. «Meriem è stata plagiata, non vuole fare del male a questo Paese. Ho deciso che non parlerò più di questa storia in tv, mia moglie soffre troppo. Io non so niente – ha rivelato ieri sera al Mattino di Padova il padre, Redouane Rehaily, della jihadista 22enne –. Come ha fatto Meriem ad arrivare in Francia? Prima dicevano che era stata lapidata, ora che è qui. Secondo me non c’è niente di vero. Noi genitori non sappiamo ancora sulle motivazioni della condanna, ma quattro anni sono troppi: significa volere mandare via tutta la nostra famiglia dall’Italia, distruggendo tutto quello che abbiamo costruito. Non so cosa le sia successo ma se fosse ancora viva dobbiamo cercare di salvare questa ragazza e salvare tutta la sua famiglia. Se finisse in carcere come potrebbe la mamma andare avanti? Come potrei io continuare a lavorare? Se ritornasse bisognerebbe invece fare di tutto per farle dimenticare le bombe. Tutti sbagliano – conclude il padre –. Meriem ha sbagliato ma bisognerebbe capire cosa le è successo veramente. Quando ci siamo sentiti lei piangeva, diceva di odiare quelle persone e che mai avrebbe fatto del male».
 
Uuna svolta – tutta da accertare sul piano investigativo – che arriva a due settimane di distanza dalla sua condanna a quattro anni per terrorismo, inflitta dal Tribunale di Venezia. Sorella Rim, come aveva scelto di chiamarsi sposando la causa del Califfato, potrebbe essere tornata a muoversi, con una nuova identità, e la stessa volontà di uccidere. Nel mandato d’arresto internazionale i giudici veneziani mettevano in guardia dalla sua «disponibilità al martirio». «Allo stato – scriveva la gip Roberta Marchiori – non può escludersi la possibilità che l’indagata possa essere disponibile a mettere a segno azioni kamikaze anche in Italia e in particolare a Roma».
Scomparsa da Arzegrande, in provincia di Padova, nell’estate del 2015, da una vita normale di affetti familiari e impegni scolastici, per arruolarsi nelle file dello Stato Islamico dopo essere stata assoldata attraverso Internet, la studentessa di origini marocchine era stata data per morta. Una testimone, una delle tante ‘mogli dell’Isis’, aveva sostenuto che sarebbe lei la giovane lapidata per adulterio a Raqqa, dopo essere stata scoperta a uscire di notte per incontrare un ragazzo.
Meriem potrebbe godere ancora dei contatti jihadisti e dei supporti finanziari che le permisero due anni fa di fuggire dall’Italia, transitando per la Turchia. Gli stessi ai quali la ragazza, durante l’affiliazione on line italiana durata oltre un anno, trasmise una sorta di approssimativa killing list con dati anagrafici, numeri di telefono e indirizzi di una decina di possibili obiettivi terroristici.