L'auto rimasta schiacciata da un albero a Guidonia (Ansa)
L'auto rimasta schiacciata da un albero a Guidonia (Ansa)

Bari, 23 febbraio 2019 - Da Bari a Napoli, il maltempo annunciato si è abbattuto sul Centro Sud con vento forte, tempeste e neve, provocando quattro morti nel Lazio, due in provincia di Frosinone e due in provincia di Roma (una vittima a Guidonia, l'altra a Capena). Un mercantile si è arenato a Bari per la tempesta.  

DUE MORTI NEL FRUSINATE - La tragedia nel Frusinate è avvenuta ad Alvito in via Colle Mattarino poco dopo le 10 quando a causa del vento è crollato un muro alto due metri circa. Quattro le persone investite dalle macerie. Guido Albassi e Carlo Diana, 71 e 73 anni, sono morti sul colpo. Un 77enne stato trasportato in eliambulanza a Roma in codice rosso e un 70enne ha riportato lievi lesioni a un piede.

image

Meteo Napoli, domani ancora vento forte. Il sindaco: "Non uscite di casa"

UNA VITTIMA A GUIDONIA - Morto anche l'uomo che era rimasto gravemente ferito dopo essere stato schiacciato nella sua auto a causa della caduta di un albero. L'episodio è accaduto a Guidonia, vicino a Roma. A quanto ricostruito, l'albero di alto fusto ha centrato la macchina in transito in cui viaggiava l'uomo, di 45 anni.

CADE DAL TETTO E UCCIDE IL FIGLIO  - Tragica fatalità a Capena, a nord di Roma, dove un uomo è precipitato dal tetto che stava riparando, forse a causa del vento, finendo sul figlio 14enne che è morto sul colpo. Illeso il padre.  

ROMA: DOMANI CHIUSI PARCHI E VILLE - Un albero ad alto fusto è crollato anche a viale Trastevere, nel cuore di Roma, colpendo un taxi in sosta nell'area dedicata. Illeso fortunatamente il conducente. Ma la pianta ha tranciato i cavi del tram, paralizzando il traffico. Non è l'unico episodio: un centinaio gli interventi della municipale in tutta la città a causa della caduta di rami e tronchi che hanno colpito e danneggiato diverse automobili parcheggiate. Il Parco archeologico del Colosseo è stato chiuso a causa delle forti raffiche di vento. E per domani il sindaco Virginia Raggi ha deciso la chiusura di parchi, ville storiche e cimiteri di Roma Capitale: "L'obiettivo è di garantire la riapertura in sicurezza".

MERCANTILE TURCO ARENATO A BARI - Un mercantile turco spinto dalle raffiche e dalla mareggiata si è arenato sul litorale sud di Bari, all'altezza della spiaggia di Pane e Pomodoro. Sul posto sono al lavoro mezzi della Capitaneria di porto. Un rimorchiatore ha tentato inutilmente di avvicinarsi alla nave per agganciarla e trainarla al largo.

Le condizioni del mare - forza 6 e vento a 35 nodi - non hanno sinora consentito di portare a termine l'operazione. Anche il basso fondale sabbioso rende le operazioni molto complicate. A bordo c'è l'equipaggio. La nave è arenata sul basso fondale sabbioso e sbatte contro i frangiflutti. Il mercantile Efe Murat era partito alcuni giorni fa dal porto di Ortona, in Abruzzo, ed era diretta ad Aliaga, in Turchia. 

image

INCIDENTE TRA DUE NAVI A ISCHIA - Anche nel Napoletano e sulle isole del golfo le condizioni meteo sono particolarmente avverse. Un incidente tra due navi è avvenuto nel porto di Ischia a causa del forte vento. La motonave 'Don Peppino', della Gestur, che era in fase di attracco con grande difficoltà a causa delle avverse condizioni marine, ha impattato contro la prua della motonave 'Benito Buono' della Compagnia 'Medmar'. La motonave 'Benito Buono' ha riportato leggeri danni, ma non ci sono stati feriti. La motonave 'Don Peppino', impossibilitata ad attraccare per il vento, è ripartita alla volta di Pozzuoli senza effettuare lo scalo nel porto di Ischia. 

ALISCAFI FERMI - Tutte sospese le corse di aliscafi dirette da Napoli a Ischia e Procida (e viceversa). Caremar, Snav e Alilauro hanno fermato in mattinata i mezzi veloci. Solo l'Alilauro ha effettuato un'ultima partenza diretta da Napoli a Ischia alle 10,50, sopprimendo la destinazione finale prevista nel porto di Forio. A seguire anche l'Alilauro ha fermato tutte le corse. Regolari, al momento, i collegamenti marittimi con traghetti.

TEMPESTA A CAPRI - Il maltempo che sta flagellando il golfo di Napoli non risparmia neanche Capri. L'isola è sferzata da un fortissimo vento di grecale, una vera e propria tempesta, che ha determinato la soppressione da questa mattina di tutti i collegamenti marittimi con la terraferma. Le navi hanno rinforzato gli ormeggi in banchina. Il vento ha provocato la caduta di alberi e rami in ville private. In alcune zone dell'isola manca l'energia elettrica. Per motivi di sicurezza è stata disposta per oggi e domani la chiusura del cimitero comunale. 

FIOCCHI DI NEVE A NAPOLI, RAGUSA E NEL CONSENTINO - A Napoli questa mattina, dove si è manifestato l'annunciato brusco calo delle temperature, è caduta la neve. Nonostante il cielo limpido e il sole, fiocchi di neve sono caduti in particolare sulla zona collinare della città, ma anche al centro vicino al mare. E' in vigore oggi l'ordinanza del sindaco Luigi de Magistris che ha disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, dei cimiteri e dei parchi pubblici. Neve anche a Ragusa e nel Cosentino: sulla Sila la neve è scesa copiosa fin dalla notte, così come sui monti dell'appennino tirrenico. A Cosenza è arrivato solo qualche fiocco, sospinto dal forte vento. Ma la sorpresa si è avuta sull'Alto Tirreno cosentino dove, anche in riva al mare, la neve ha fatto la sua comparsa. 

Neve a Los Angeles, prima volta dal 1962

ALBERO SU AUTO, DUE FERITI -  Anche a San Sebastiano al Vesuvio (Napoli) un albero, caduto a causa del forte vento, si è abbattuto su una autovettura a bordo della quale viaggiavano madre e figlio. Fortunatamente non ci sono state vittime: la donna ha riportato un trauma al capo ed è stata ricoverata in ospedale, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Per il figlio solo lievi escoriazioni.