Meningite (Archivio)
Meningite (Archivio)

Roma, 28 dicembre 2016 - Non c'è rischio contagio per la meningite che ha causato la morte di una maestra a Roma. Non si tratta infatti di meningococco ma di una forma che non si trasmette di persona a persona, ha spiegato la Regione Lazio in una nota. "Effettuati gli esami presso la struttura ospedaliera universitaria del Gemelli - si legge nella nota -, non si tratta di meningite meningococcica, ma di una forma dovuta al batterio escherichia coli senza rischio di trasmissione diretta da persona a persona".

Scheda - Meningite, i sintomi e le cure: cose da sapere

La maestra della scuola elementare Cesare Battisti, alla Garbatella, 54 anni, da 30 docente di matematica, è stata ricoverata il giorno di Natale all'ospedale San Giovanni, per poi essere stata trasferita al Policlinico Gemelli, dove è morta il giorno seguente. Fino all'ultimo giorno prima delle vacanza natalizie, era andata regolarmente a scuola. Per questo si era mossa l'Asl di Roma 2 per far partire la profilassi. Quella per la famiglia era scattata il giorno di Natale, spiega ancora la Regione Lazio, mentre quella per gli alunni, e loro famiglie, e per il personale della scuola in contatto con la donna è scattata ieri, 27 dicembre. 

image

Ora la profilassi è cessata. Lo conferma la direttrice sanitaria della Asl, Marina Cerimele. "E' stato accertato che non si è trattato di un problema sanitario provocato da meningococco, per cui viene a mancare il rischio di trasmissione da persona a persona - spiega la direttrice -. Noi abbiamo avviato correttamente la profilassi sui contatti stretti in assenza di specifiche sul batterio che ha causato la patologia" ma non sussistendo più l'allarme "la profilassi cessa da subito".

image