La Commissione europea ha dato il via libera al gruppo Menarini all’utilizzo del farmaco Elzonris come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti affetti da una forma rara e aggressiva di tumore, la neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche (Bpdnc). La decisione della Commissione...

La Commissione europea ha dato il via libera al gruppo Menarini all’utilizzo del farmaco Elzonris come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti affetti da una forma rara e aggressiva di tumore, la neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche (Bpdnc). La decisione della Commissione europea – fa sapere l’azienda farmaceutica fiorentina – fa seguito al parere positivo adottato dal comitato tecnico Chmp dell’Agenzia europea del farmaco Ema a novembre 2020. Elzonris ha ricevuto la designazione di farmaco orfano in Europa. Ora è il primo trattamento approvato per i pazienti con Bpdcn e la prima terapia mirata anti-Cd123 disponibile in Europa, in risposta a un importante bisogno terapeutico. "Questo risultato conferma l’impegno di Menarini in oncologia che si affianca, tra gli altri, a quello contro l’antibiotico-resistenza e allo sviluppo di un anticorpo monoclonale contro il Covid-19", affermano Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, azionisti e membri del board di Menarini.

"Per la prima volta – commenta il ceo del gruppo Elcin Barker Ergun (foto) – i pazienti affetti da Bpdcn in Europa avranno la possibilità di beneficiare di un trattamento diretto in modo specifico contro questo tumore raro e aggressivo. L’approvazione di Elzonris rende possibile un cambiamento significativo nell’approccio terapeutico per la Bpdcn, poiché fornisce ai medici una terapia mirata per aiutare i pazienti affetti da questa terribile malattia. Ora stiamo lavorando per rendere Elzonris disponibile in Europa nel più breve tempo possibile".