Max Biaggi, 49 anni, e il costruttore monegasco di motociclette elettriche Voxan hanno celebrato in grande stile il ventesimo anniversario del Gruppo Venturi, stabilendo un totale di undici nuovi record mondiali di velocità all’aeroporto di Châteauroux in Francia, il 30, 31 ottobre e primo novembre. La velocità massima raggiunta nei tre giorni è stata di 408 chilometri orari. Nella mattinata di sabato 31 ottobre, Max Biaggi e il Voxan Wattman "hanno raggiunto il loro obiettivo primario – spiega una nota –...

Max Biaggi, 49 anni, e il costruttore monegasco di motociclette elettriche Voxan hanno celebrato in grande stile il ventesimo anniversario del Gruppo Venturi, stabilendo un totale di undici nuovi record mondiali di velocità all’aeroporto di Châteauroux in Francia, il 30, 31 ottobre e primo novembre. La velocità massima raggiunta nei tre giorni è stata di 408 chilometri orari.

Nella mattinata di sabato 31 ottobre, Max Biaggi e il Voxan Wattman "hanno raggiunto il loro obiettivo primario – spiega una nota – battendo il più ambito dei dodici record mondiali sui quali avevano puntato". Con una velocità di 366,94 chilometri orari, il team ha stabilito un nuovo record nella prestigiosa classe ’motocicletta elettrica parzialmente aerodinamica oltre i 300 chili’. In tal modo, hanno detronizzato i precedenti detentori Ryuji Tsuruta e Mobitec EV-02A con la loro velocità di 329 chilometri orari.

In linea con i regolamenti Fim (Federation internationale de Motocyclisme), la velocità della Voxan Wattman è stata misurata da una partenza lanciata di oltre 1 miglio in direzioni opposte, entro un periodo di due ore. Secondo i regolamenti della Federazione, la velocità finale è la media delle due velocità registrate su queste due corse. La Voxan, con la sua carenatura grigia progettata da Sacha Lakic, ha fatto precipitare i record quando il tachimetro Gps ha raggiunto una velocità istantanea di 408 chilometri orari.

Venerdì 30 ottobre anche una versione senza carenatura aerodinamica della Voxan Wattman ha affrontato la sfida su una distanza di 1 miglio, sempre con partenza lanciata. Il principio era identico: 1 miglio in direzioni opposte, entro un periodo di due ore. Ancora una volta, la velocità finale è stata la media delle due velocità registrate in queste due prove: 349,38 chilometri orari. Eppure i sistemi di bordo hanno mostrato che la Wattman, spinta dal suo potente motore da 270 kiloWatt (367 cavalli), ha raggiunto una velocità massima pari a 372 chilometri orari.

Quando Gildo Pastor, il presidente del Gruppo Venturi, "mi ha contattato per questo progetto ero curioso, molto motivato e allo stesso tempo un po’ indeciso - dice Max Biaggi- ma subito dopo il nostro primo incontro, mi sono reso conto che, così come Gildo, anche le sue squadre erano guidate da una convinzione e determinazione incredibili. Mi hanno detto ‘ci siamo avvicinati a 600 chilometri orari su quattro ruote, e ora vogliamo flirtare con 400 su due ruote, niente ci fermerà’. Questi record mi rendono un uomo felice. Sono orgoglioso della squadra e felice di riportare questi titoli a Monaco".