Giovedì 11 Luglio 2024

Maturità, l’infettivologo Bassetti: “Fu tosta, mi dissero che non ero portato per le scienze”

Oggi, a molti anni di distanza, tocca al figlio Dante. “Faccio un grosso in bocca al lupo ai ragazzi, perché è la prima prova della vita”

L'infettivologo Matteo Bassetti (foto di archivio)

L'infettivologo Matteo Bassetti (foto di archivio)

Roma, 17 giugno 2024 – La maturità? “Fu tosta, mi dissero che non ero portato per le scienze”. Era l’anno scolastico 1989-90 quando l’allora maturando Matteo Bassetti, oggi noto infettivologo, si apprestò a conseguire il diploma. Oggi a molti anni di distanza, tocca al figlio Dante. Per l’occasione l’infettivologo si è messo a nudo raccontando quella esperienza con un messaggio rivolto alle nuove generazioni. "Io ho fatto la maturità nell'anno scolastico 1989-1990 e mi ricordo che siccome non ero tanto bravo in scienze, che al classico era Geografia astronomica, decisi di studiare e di stare un mese in convitto prima della maturità per concentrarmi – racconta l’infettivologo –.  Presi un misero 42/60, che voleva dire la media del 7. La mia insegnante di Scienze mi disse 'tu nella vita potrai fare tutto tranne qualcosa che attiene alle scienze o a medicina'. Poi dopo la maturità “tornai a trovare i professori del liceo, anche la docente di Scienze, per fargli vedere i voti alti presi ai primi esami di Medicina". Una storia che ci ricorda quanto sia importante seguire i propri sogni e inclinazioni. "Mio figlio Dante, che ha 19 anni, si appresta a fare la maturità – ha spiegato –. Devo dire che ai miei tempi era molto difficile, oggi forse è meno impegnativa. Ma facciamo un grande in bocca al lupo a tutti i ragazzi perché è la prima prova della vita, quella che ti porta verso un percorso di lavoro o di studi ancora più ampio".

Approfondisci:

Tracce maturità 2024, Ungaretti e Pirandello per la prima prova. Montalcini, l’atomica, i selfie

Tracce maturità 2024, Ungaretti e Pirandello per la prima prova. Montalcini, l’atomica, i selfie