Una studentessa inizia il colloquio al liceo Alfieri di Torino
Una studentessa inizia il colloquio al liceo Alfieri di Torino

Roma, 21 maggio 2021 - "Questa notte è ancora nostra", canta Venditti. E la maturità 2021, pandemia o non, resta un traguardo per tutti i ragazzi e l'inizio di un nuovo percorso. Il Coronavirus ne ha riscritto solo le regole ed è stato siglato oggi il protocollo d'intesa, tra il Ministero dell'Istruzione e i sindacati, per lo svolgimento in presenza e in sicurezza degli esami che chiudono il ciclo delle superiori per l'anno scolastico 2020/2021.

A scuola d'estate: si rischia il flop. "Impossibile, ci sono le vacanze"

Scuola, arriva il concorso ordinario per docenti

Cosa cambia, quindi, rispetto all'anno scorso? Sono sostanzialmente confermate le misure previste per l'anno scolastico 2019-2020 e nell'allegato 'documento tecnico scientifico': sarà necessario mantenere due metri di distanza fra il candidato e la commissione, le studentesse e gli studenti potranno avere un solo accompagnatore e si dovrà indossare la mascherina. In particolare, con il documento siglato oggi viene precisato che la tipologia di mascherine da adottarsi dovrà essere di tipo chirurgico. Non potranno, dunque, secondo il parere espresso anche dal Comitato tecnico scientifico, essere utilizzate mascherine di comunità ed è sconsigliato, da parte degli studenti, l'utilizzo prolungato di questi dispositivi di sicurezza.

Bollettino Covid del 21 maggio

Tutte misure che, dopo ormai oltre un anno di pandemia, sono entrate nella normalità. Insieme a quelle appena spiegate, è consentito anche lo svolgimento delle prove dell'esame di stato o dei lavori della commissione d'esame in modalità di videoconferenza, secondo casi specifici indicati all'interno del protocollo. E' ammesso, quindi, lo svolgimento a distanza delle riunioni plenarie delle commissioni d'esame nei casi in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo richiedano.

Italia in zona gialla da lunedì. Matrimoni: regole in arrivo

Nel protocollo è anche specificato che per garantire il regolare svolgimento degli esami di stato, le istituzioni scolastiche utilizzano le risorse finanziarie assegnate dal Ministero per la gestione e l'organizzazione del servizio scolastico nel periodo emergenziale.

Vaccini, Figliuolo alle Regioni: "Basta annunci non concordati"