Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 mag 2022

Massacra a martellate moglie e figlia Il delirio del designer: li ho uccisi tutti

Ha colpito anche l’altro figlio: gravissimo. La donna voleva separarsi e il 57enne diceva di essere in crisi col lavoro

5 mag 2022
andrea gianni
Cronaca

di Andrea Gianni SAMARATE (Varese) Il geometra Alessandro Maja, sdraiato a terra e coperto di sangue, in mutande, pronunciava frasi sconnesse: "Li ho uccisi tutti, bastardi". Una scena dell’orrore – sotto gli occhi dei vicini di casa che ieri mattina per primi hanno chiamato i soccorsi in una villetta da "Mulino bianco", per citare le parole usate da diversi conoscenti per descrivere la famiglia. Il giardino perfettamente curato, con le rose fiorite e le siepi potate. Una pianta di limone dipinta sul muro esterno, accanto al garage con parcheggiata davanti una Nissan Qashqai seminuova. Nella villetta di due piani in via Torino a Samarate, zona residenziale del paese di 16mila abitanti a poca distanza dall’aeroporto di Malpensa, era appena andata in scena una tragedia. All’interno i cadaveri di Stefania Pivetta, casalinga di 56 anni, e della figlia 16enne, Giulia, studentessa al liceo scientifico. Il figlio, Nicolò, 23 anni, in gravi condizioni ma ancora vivo. Ora il giovane, che sogna di diventare pilota d’aereo, è ricoverato all’ospedale di Varese. A compiere la strage è stato il 57enne Alessandro Maja, che ha massacrato la moglie sul divano e i figli nella loro camera da letto, usando probabilmente un martello dopo averli sorpresi nel sonno. Poi ha cercato di togliersi la vita, ferendosi forse con un trapano trovato attaccato alla presa della corrente. Nei suoi deliri avrebbe anche inscenato un tentativo di darsi fuoco. I carabinieri lo hanno arrestato: omicidio volontario e tentato omicidio, ora è piantonato all’ospedale di Monza. Davanti ai militari e al pm di Busto Arsizio, Carlo Alberto Lafiandra, si è avvalso della facoltà di non rispondere, senza per ora fornire chiarimenti su un movente ancora al vaglio di investigatori e inquirenti, coordinati dal procuratore Carlo Nocerino. Scavando dietro la facciata di una "famiglia perfetta" emergono i problemi, che hanno portato Stefania Pivetta ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?