La mascherina 'U-Mask Model 2' in vari colori
La mascherina 'U-Mask Model 2' in vari colori

Milano, 20 febbraio 2021 - Stop alla vendita e ritiro dal mercato per le mascherine U-Mask, già ribattezzate le 'mascherine dei vip' perché sfoggiate da molti personaggi famosi. A dare l'alt "con carattere d'urgenza" è stato il ministero della Salute, specificando che le U-Mask 'Model 2' non possono essere considerate dispositivi medici, e che quindi si riscontrano "potenziali rischi per la salute".

La decisione è stata presa dopo che i carabinieri del Nas di Trento, a fine gennaio, hanno segnalato che le mascherine risultavano come dispositivi medici in base a certificazione di un laboratorio "privo di autorizzazione", sottoscritta da un soggetto senza laurea. 

il prodotto viene quindi "cancellato dalla Banca Dati dei dispositivi medici" ed entro cinque giorni l'azienda dovrà provvedere anche al ritiro dal mercato dei prodotti a sue spese, disposizioni su cui vigileranno gli stessi Nas. 

Sulla vicenda sono al lavoro sia la procura di Bolzano, che ha aperto un'indagine per l'assenza di autorizzazioni del laboratorio e per esercizio abusivo della professione, sia quella di Milano, che indaga per frode nell'esercizio del commercio l'amministratore della filiale italiana della società. 

Oggi dalla società produttrice, che fa capo a U-Earth Biotech e Pure Air Zone Italy, si dicono "esterrefatti". "Contestiamo radicalmente il provvedimento e ci difenderemo nelle sedi opportune", dicono, annuncionando che lunedì 22 febbraio presenteranno "alle Autorità nuove certificazioni di analisi, eseguite da uno dei pochissimi laboratori accreditati Accredia: i risultati dei test confermano una capacità di filtrazione batterica (BFE) in entrambi i sensi superiore al 99%".

Le indagini sono partite dall'esposto di un'azienda concorrente, secondo cui il filtraggio delle U-Mask non era affatto come quello delle mascherine FFP3 (appunto, tra il 98 e il 99%). In generale, sono dispositivi medici quelle mascherine chirurgiche certificate che garantiscono protezione ai terzi in contatto con chi le indossa.