Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 giu 2022

"Martina Patti come Veronica Panarello. Realtà trasformata in fiction"

Lo psichiatra autore della perizia sulla Panarello, che uccise il piccolo Lorys. "Entrambe hanno costruito una messinscena per coprire i due delitti"

16 giu 2022
nino femiani
Cronaca
Veronica Panarello, 33 anni, sta scontando trent’anni di carcere a Torino
Veronica Panarello, 33 anni, sta scontando trent’anni di carcere a Torino
Veronica Panarello, 33 anni, sta scontando trent’anni di carcere a Torino
Veronica Panarello, 33 anni, sta scontando trent’anni di carcere a Torino

Veronica Panarello, mamma di Lorys, e Martina Patti, mamma di Elena. Due Medee che uccidono i figli. Ci sono punti di contatto tra di loro? "Veronica è molto diversa da Martina. Ma su una cosa sono simili: entrambe sono in grado di partecipare consapevolmente alla trama assassina e di costruire fantasie e trame da film capaci di dare sostanza al loro alibi". "Ho dato il budino a Elena e l'ho ammazzata" Martina Patti, ossessioni e scatti d'ira. Chi è la mamma killer di Catania In cosa differiscono? "Veronica era una madre che, nella sua consapevolezza, ha generato un gesto omicidiario per imporsi al figlio che usciva dal suo orizzonte educazionale e sfidava la sua figura materna, dominante nel contesto abitativo in cui entrambi vivevano. Martina su questo punto è differente". A parlare è il prof Eugenio Aguglia, ordinario di Psichiatria all’università di Catania ed estensore con il professor Roberto Catanesi della perizia su Veronica Panarello, la mamma che uccise il piccolo Lorys Stival a Santa Croce Camerina, il 29 novembre del 2014. La ricostruzione del delitto La tragedia di Medea e quei delitti contro natura Qual è il profilo psicologico di Martina? "Questa giovane donna si era separata dal marito, ma viveva nell’immediatezza dell’ex compagno e della sua nuova donna. Una vicinanza che creava tensione, disappunto, ossessione. Una reazione alla perdita che le procurava stress continuo e difficoltà nel coordinare in maniera lucida le proprie azioni". Una lucida follia. "Credo che Martina abbia fatto un percorso lucido: scava la buca, prende la bambina dall’asilo e la porta a casa, le dà da mangiare, la uccide. Poi la porta in campagna e la sotterra. È una trama lineare". Lei, però, continua a dire: non so perché l’ho fatto. "È una difesa molto debole perché farebbe immaginare un transitorio stato dissociativo che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?