Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 lug 2022

"Mio figlio era preoccupato dal caldo. Gli hanno detto: nessun problema"

Lo strazio della madre di un disperso: "Prima dell’escursione aveva telefonato per chiedere informazioni". E ancora: "Non tornerà più a casa e con lui c’è la sua fidanzata"

4 lug 2022
rita bartolomei, inviata a canazei (tn)
Cronaca
Rescuers with an helicopter take part in the search operations on July 4, 2022 after the glacier on the mountain of Marmolada, the highest in the Dolomites, collapsed the day before, one day after a record-high temperature of 10 degrees Celsius (50 degrees Fahrenheit) was recorded at the glacier's summit. - Rescuers resumed the search for survivors today after an avalanche set off by the collapse of the glacier, the largest in the Italian Alps, killed at least six people and injured eight others. (Photo by Pierre TEYSSOT / AFP)
Rescuers with an helicopter take part in the search operations on July 4, 2022 after the glacier on the mountain of Marmolada, the highest in the Dolomites, collapsed the day before, one day after a record-high temperature of 10 degrees Celsius (50 degrees Fahrenheit) was recorded at the glacier's summit. - Rescuers resumed the search for survivors today after an avalanche set off by the collapse of the glacier, the largest in the Italian Alps, killed at least six people and injured eight others. (Photo by Pierre TEYSSOT / AFP)
Rescuers with an helicopter take part in the search operations on July 4, 2022 after the glacier on the mountain of Marmolada, the highest in the Dolomites, collapsed the day before, one day after a record-high temperature of 10 degrees Celsius (50 degrees Fahrenheit) was recorded at the glacier's summit. - Rescuers resumed the search for survivors today after an avalanche set off by the collapse of the glacier, the largest in the Italian Alps, killed at least six people and injured eight others. (Photo by Pierre TEYSSOT / AFP)
Rescuers with an helicopter take part in the search operations on July 4, 2022 after the glacier on the mountain of Marmolada, the highest in the Dolomites, collapsed the day before, one day after a record-high temperature of 10 degrees Celsius (50 degrees Fahrenheit) was recorded at the glacier's summit. - Rescuers resumed the search for survivors today after an avalanche set off by the collapse of the glacier, the largest in the Italian Alps, killed at least six people and injured eight others. (Photo by Pierre TEYSSOT / AFP)

Mio figlio era sulla montagna per qualcosa che amava. Un amore estremo. Ma si era documentato. Prima dell’escursione aveva telefonato per chiedere informazioni, perché faceva davvero troppo caldo. Lo avevano rassicurato, tutto a posto, la scalata è possibile". La signora ha un accento veneto, un dolore da difendere mentre le telecamere la inseguono. Esce con il marito, in lacrime, dal centro operativo dei soccorsi, qui a Canazei, è la mamma di un disperso. Anzi, ‘reclamato’, come dicono gli investigatori. Un numero sempre incerto, dalle prime ore di questa immane tragedia. La Marmolada è a 20 minuti da qui. Questa è la base dei soccorritori e delle informazioni. Oggi è il luogo del dolore. Il figlio aveva telefonato, dice senza polemica la mamma. Era stato rassicurato. Parole che fanno tornare in mente i giorni drammatici di Rigopiano, la valanga assassina: 29 morti nell’hotel spazzato via dalla furia della natura. Anche allora c’era chi aveva cercato informazioni ed era stato tranquillizzato. "Un martedì da sogno a Rigopiano, la neve ci regala degli scenari spettacolari", l’ultimo post dell’albergo sui social alla vigilia della tragedia. Che beffa: proprio la neve che diventerà la trappola mortale. La signora adesso guarda verso la Marmolada e trova la forza di dire: "C’è un ragazzo di 32 anni, mio figlio, che non tornerà più a casa. E con lui c’è la sua fidanzata. Sono lassù, forse in un crepaccio". Quanto dolore, raccolto in questo spazio. Con i soccorritori che si muovono veloci, gli psicologi della Protezione civile che seguono come un’ombra discreta i familiari, puntellando il loro bisogno di silenzio. I parenti stanno in disparte in un tempo sospeso come le domande senza risposta. "Dovete fare del buon giornalismo – sta dicendo la mamma del 32enne–. Non dovete fare sciacallaggio e spero che questo abbia il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?