12 apr 2022

Marine giura: non uscirò dalla Ue Emmanuel va a caccia degli over 50

Ballottaggio, Macron smorza i toni sulla riforma che innalza l’età minima per andare in pensione a 65 anni

I volantini distribuiti dai candidati alle presidenziali. Tra quello di Macron e di Le Pen spunta Mélenchon
I volantini distribuiti dai candidati alle presidenziali. Tra quello di Macron e di Le Pen spunta Mélenchon
I volantini distribuiti dai candidati alle presidenziali. Tra quello di Macron e di Le Pen spunta Mélenchon

"MacronLe Pen, duello su un campo di rovine", titola Le Monde. Il giorno dopo il voto al primo turno delle presidenziali, il paesaggio politico appare devastato: i partiti tradizionali (gollisti, socialisti, comunisti) sono stati spazzati via. Un terzo incomodo è salito con prepotenza sul palcoscenico, il leader dell’ultra gauche Jean-Luc Mélenchon, oggi il vero arbitro dei giochi: l’esito finale, più che mai incerto, dipenderà proprio dalle scelte che faranno i suoi seguaci. In apparenza Emmanuel Macron sembra avvantaggiato: ha 4 punti più di Marine Le Pen e ha sventato il pericolo del sorpasso. Con il 27,8% dei suffragi (9 milioni 785 mila voti) si trova in pole position, confortato anche dal fatto di aver migliorato il risultato precedente: nel 2017, anno del trionfo, aveva avuto un milione di voti in meno rispetto a quelli di domenica. Il suo problema però è il fatto di non disporre di un grande serbatoio di voti cui attingere, dal momento che la destra dei Républicains è dissanguata. Marine Le Pen invece può contare sull’appoggio di Zemmour, dei dissenzienti in seno ai Républicains e in generale di tutti coloro – e non sono pochi – che si ritengono penalizzati dalla politica di Macron in cinque anni di Eliseo. Basti pensare che una buona fetta della France Insoumise, il 30% dei seguaci di Mélenchon, voterà Le Pen, mentre il 34% sceglierà Macron e il 36% diserterà le urne. Per Marine la prova di domenica ha rappresentato un successo personale: con il 23,1%, pari a 8 milioni e 136 mila voti, ha registrato non solo un risultato migliore di quello del 2017 (21%, 7 milioni 659 mila voti), ma anche lo score più alto dell’estrema destra negli ultimi vent’anni. Tre partiti – République en Marche, Rassemblement National e France Insoumise – totalizzano il 75% dei voti. Due, quelli di Mélenchon ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?