La nave mare Jonio (Ansa)
La nave mare Jonio (Ansa)

Trapani, 24 aprile 2019 - Stop all'attività di ricerca e soccorso (Sar) fino a quando la Mare Jonio non si adeguerà “alla normativa di settore”. Questa la decisone della Guardia Costiera al termine di un'ispezione sull'imbarcazione di Mediterranea Saving Human.

L'ispezione è stata effettuata il 19 aprile scorso nel porto di Marsala (Trapani) “a seguito di una avaria non meglio precisata ad un generatore” per verificare le condizioni di sicurezza della navigazione e per la riconvalida della certificazione necessaria alla navigazione.

Al termine dell'ispezione, afferma la Guardia Costiera, “il Comandante è stato diffidato dall'eseguire operazioni di salvataggio in modo stabile ed organizzato fino a quando l'unità in questione non venga adeguata alla normativa di settore (Dpr 435/91 e Regolamento di Classe) e certificata per il servizio di 'salvataggio'”. Adeguamenti necessari “al fine di non mettere in pericolo le persone assistite e lo stesso equipaggio”. Inoltre la Guardia Costiera ha anche sanzionato Mediterranea per “alcune irregolarità di bordo” riscontrate sulla Mare Jonio.

SALVINI: "OTTIMA NOTIZIA" - "Dopo lo stop agli sbarchi e le direttive per difendere le acque territoriali, è stata bloccata la Mare Jonio. Si tratta della nave dei centri sociali che pretendeva di dettare legge nel Mediterraneo anche grazie ad alcuni parlamentari eletti con i 5Stelle come De Falco. L'altolà è un'ottima notizia: grazie alle Capitanerie di Porto! Non molliamo e passiamo dalle parole ai fatti" ha commentato il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

MEDITERRANEA: "ATTO INTIMIDATORIO" -  Un atto "dal solo scopo intimidatorio e irricevibile dal punto di vista legale" in quanto "la  Mare Jonio è un rimorchiatore e nave da carico della marina commerciale italiana che svolge attività di monitoraggio e denuncia delle violazioni dei diritti umani, pattugliando il Mediterraneo centrale". È quanto affermato da Mediterranea Saving Human la diffida ad effettuare operazioni di salvataggio. Come ogni imbarcazione, prosegue Mediterranea, "non solo abbiamo tutto il diritto, ma il preciso dovere, fissato anche dagli articoli 489 e 490 'obbligo di salvataggio' del Codice della Navigazione, di intervenire in soccorso di imbarcazioni e persone in difficoltà al fine prioritario di salvare vite umane". Secondo Mediterranea la diffida è la conseguenza del salvataggio di 49 migranti effettuato lo scorso 18 marzo. Da allora "siamo sottoposti ad ogni genere di pressione e tentativo di ostacolare la nostra attività. Dobbiamo concludere che nel Governo italiano c'è chi avrebbe preferito che quelle 49 persone annegassero"?