Roma, 7 marzo 2019 - La prima volta in vasca dopo quel colpo di pistola: per Manuel Mateo Bortuzzo tornare in acqua è "un'emozione bellissima". E la giovane promessa del nuoto ha voluto condividerla via social, con un video che lo riprende mentre nuota in piscina, con la forza delle braccia. Quel proiettile, che lo ha raggiunto fuori da un locale di Roma neanche un mese fa, lo ha infatti privato dell'uso delle gambe. 

Con in testa la cuffia dell'amico Gabriele Detti, Manuel si rivolge a tutte le persone, che pur non conoscendolo direttamente, gli hanno offerto solidarietà e appoggio via web. "Ciao ragazzi, finalmente sono tornato in vasca oggi - dice Manuel sorridendo al termine della nuotata - Un'emozione bellissima. Oggi inizia la mia riabilitazione qui, in acqua. Un saluto a tutti e ci vediamo presto". 

Diciannove anni e tanta forza da vendere. Da subito - da quando si è risvegliato dopo l'operazione sul letto del San Camillo - Manuel si è sempre mostrato positivo e deciso a condurre la sua battaglia per tornare a fare ciò che più ama: nuotare. Nonostante la diagnosi senza appello, è determinato a non mollare. Oggi è solo il primo passo di un lungo percorso. Ma la grinta e la voglia di farcela non mancano.