Momenti di tensione tra la polizia e i manifestanti No Green pass a Trieste (Ansa)
Momenti di tensione tra la polizia e i manifestanti No Green pass a Trieste (Ansa)

Roma, 10 novembre 2021 - Saranno i prefetti a provvedere "a individuare specifiche aree urbane sensibili, di particolare interesse per l'ordinato svolgimento della vita delle comunità, che potranno essere oggetto di temporanea interdizione allo svolgimento di manifestazioni pubbliche per la durata dello stato di emergenza, in ragione dell'attuale situazione pandemica". E' quanto scrive il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, nella direttiva inviata ai prefetti e "recante indicazioni sullo svolgimento di manifestazioni di protesta contro le misure sanitarie in atto".

Covid 10 novembre, boom di contagi in Veneto e Alto Adige. Ricoveri e morti del 10 novembre

Regioni che rischiano la zona gialla: il punto della situazione

"L'individuazione di tali aree - spiega il ministro - dovrà avvenire nel rispetto del principio di proporzionalità, atteso che il diritto costituzionalmente garantito di riunirsi e manifestare liberamente in luogo pubblico costituisce espressione fondamentale della vita democratica e come tale va preservato e tutelato". Sulla base delle determinazioni adottate dai prefetti, "i questori eserciteranno i poteri previsti dall'articolo 18 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e delle connesse disposizioni regolamentari, provvedendo ad adottare, laddove necessario, i divieti e le prescrizioni riguardanti lo svolgimento delle manifestazioni preavvisate". Laddove gli stessi questori "non ravvisino esigenze impeditive - continua la titolare del Viminale - potranno adeguatamente modulare, per le aree diverse da quelle individuate come sensibili, l'esercizio del loro potere prescrittivo e conformativo in ragione di considerazioni fattuali, di tempo e di luogo, o di altri rilevanti circostanze quali il coinvolgimento nella manifestazione di un numero elevato di partecipanti". 

Le manifestazioni di protesta contro le misure anti Covid, pur "rappresentative del diritto ad esprimere il dissenso, stanno determinando elevate criticità sul piano dell'ordine e della sicurezza pubblica, nonché sul libero esercizio di altri diritti, pure garantiti, quali in particolare quelli attinenti allo svolgimento delle attività lavorative e alla mobilità dei cittadini, con effetti, peraltro, particolarmente negativi nell'attuale fase di graduale ripresa delle attività sociali ed economiche", scrive ancora Lamorgese nella direttiva.

"Inoltre - prosegue la titolare del Viminale - in occasione di tali manifestazioni si riscontra frequentemente un significativo livello di inosservanza delle disposizioni di prevenzione del contagio, concernenti il divieto di assembramento, il rispetto del distanziamento fisico e l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, con potenziale pericolo di incremento dei contagi e, dunque, per la salute dei cittadini, si rende, pertanto, necessario dettare apposite indicazioni affinche' lo svolgimento delle manifestazioni in questione avvenga nell'equilibrato contemperamento dei vari diritti e interessi in gioco".