Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 gen 2022

Mamma annega il figlio: "Pensavo fosse malato"

La donna l’ha gettato di notte in mare. Il piccolo aveva due anni e mezzo, una coppia di amici ha cercato invano di salvare il bambino

4 gen 2022
nino femiani
Cronaca
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia
I carabinieri sul tratto di arenile dove si è consumata la tragedia

di Nino Femiani TORRE DEL GRECO (Napoli) Ha vagato per oltre un’ora lungo le strade di Torre del Greco (Napoli), ancora illuminate dalle decorazioni natalizie. Come un automa si è diretta verso il lungomare che a quell’ora di domenica, le 21,30, incomincia a diventare deserto. Attaccata a lei c’è il piccolo Angelo (nome inventato), due anni e mezzo. La donna, A.G. 40 anni, buona famiglia alle spalle, se lo trascina dietro dopo aver lasciato a casa la figlia di sette anni in compagnia del marito. Ha la testa che le scoppia, crede che il suo Angelo abbia dei disturbi mentali, che manifesti un ritardo nell’apprendimento che possa pregiudicare il suo futuro. Un tarlo fisso, ne ha già parlato con il marito, ma lui aveva minimizzato: "È solo piccolo, quando crescerà vedrai che parlerà bene e capirà ogni cosa". Ma quel dubbio ha scavato un buco nella sua ragione, così poco dopo le 22,30 scende sulla spiaggia di ’La Scala’. È buio, le luci della strada rischiarano solo un lembo di arenile, fa freddo e anche i tanti ristoranti che affacciano sull’acqua sono chiusi. Nessuno si accorge di quella mamma che si arrampica sugli scogli neri come la pece, fino all’estremità che porta in mare aperto. Qui resta per qualche minuto, seduta in un’oscurità senza conforto, il piccolo tra le braccia, a meditare la più orribile delle scelte. Lancia Angelo in acqua, in un punto dove il piccolo non tocca. Il rumore di quel tuffo macabro sembra scuoterla. Incomincia a gridare, a chiedere aiuto. Francesco dal marciapiede sul lungomare sente quelle invocazioni e senza neppure pensarci si spoglia, insieme all’amico Daniele con cui ha appena finito di mangiare una pizza. Due eroi con un cuore grande nella notte raccapricciante di Torre del Greco. "Dani, tu vai sugli scogli a prendere la donna, io ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?