I detriti portati a valle nel fiume Quiliano, nel Savonese (Ansa)
I detriti portati a valle nel fiume Quiliano, nel Savonese (Ansa)

Roma, 5 ottobre 2021 - Il maltempo si sta spostando verso Sud, con allagamenti a Palermo, e Napoli col trasporti in tilt. In Sicilia bomba d'acqua a Palermo e voli deviati. Piogge intense anche ad Agrigento e Trapani. Miglioramenti invece al Nord. Stamane in Liguria l'allerta meteo è cessato in anticipo perchè la fase acuta di precipitazioni si è attenuata. Situazione in via di netto miglioramento anche in Piemonte e in Veneto, dove le condizioni meteo, e il livello del mare, non richiedono l'attivazione del sistema Mose a Venezia. Ma ora a preoccupare è il livello del Po, che si è alzato di quasi 3 metri nelle ultime 24  ore come conseguenza dell'ondata di precipitazioni intense di ieri. 

Catania, tornado si abbatte sulla città. "Feriti e danni alle abitazioni"

Maltempo, alluvione in provincia di Savona. Esondazioni e frane

La Protezione civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse con previsioni di precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale comunque su Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e Veneto. Resta il rischio forti temporali e grandine, come sale l'allerta per i fiumi e le ondate di piena che si riverseranno a valle. 

Allerta arancione invece è lanciato per la Provincia Autonoma di Trento e su parte di Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana e Sicilia; allerta gialla sulla Provincia Autonoma di Bolzano, sul Veneto, su Lazio, Umbria, Campania, su parte di Valle d'Aosta, Emilia-Romagna, Abruzzo, Basilicata, Calabria e Molise e sui territori restanti di Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana e Sicilia. 

Toscana, Calenzano: crolla un muro di 60 metri. Una persona ferita

A Roma la forte pioggia della scorsa notte ha costretto la polizia locale a circa un centinaio gli interventi: messe in sicurezza alcune aree, con chiusura momentanea di strade interessate da allagamenti e caduta rami e alberi. Interventi più importanti nelle zone di Castel Fusano, Primavalle, in particolare Via Pietro Bembo. Inoltre via Guglielmo Marconi, altezza via C. Colombo, Via delle Vigne , Via Roberto Marcolongo, Via Don Primo Mazzolari, Via Clivo di Scauro , Via delle Fornaci e Via Appia Pignatelli. 

Nella notte sospesa anche la circolazione ferroviaria sulla linea Roma-Napoli, via Formia (Fl7) nel tratto fra Roma Casilina e Latina, e sulla linea Roma-Nettuno (Fl8) tra Roma Casilina e Nettuno, per danni provocati dal un fulmine ha provocato l'incendio di una cabina cavi nei pressi di Torricola, con conseguenti danni agli impianti di circolazione dei treni.

Caduta di cavi dell'alta tensione nella zona di Civitavecchia per le forti precipitazioni. In via Tirso sono intervenuti alle 00.30 i vigili del fuoco locali. 

A Napoli le forti precipitazioni hanno provocato l'allagamento di una tratta ferroviaria: partenze soppresse e inevitabili ritardi. Le maggiori diffic oltà per i pendolari che si servono dei treni della Circumvesuviana. La circolazione sulla tratta Pompei santuario-Poggiomarino è interrotta. I treni in programma da Poggiomarino partono da Pompei. 

Allerta arancione per il meteo anche in Sicilia: a Palermo questa mattina una bomba d'acqua ha creato forti disagi in diverse zone del capoluogo siciliano. Interventi per allagamenti soprattutto nella borgata marinara di Mondello. Quattro voli in arrivo all'aeroporto 'Falcone-Borsellino' sono stati dirottati: tre su Catania e uno su Cagliari. Provvisoriamente chiusa la strada statale 121 'Catanese' dal km 218 al km 219, a Mezzojuso (Palermo), per consentire ad Enel di eseguire un intervento urgenteper un cavo elettrico tranciato. 

 A Sciacca (Agrigento) l'amministrazione comunale ha chiesto ai dirigenti scolastici, viste le piogge molto intense, di a valutare la possibilità di "trattenere gli alunni in classe fino a un miglioramento del tempo". A Trapani il Centro comunale di raccolta dei rifiuti al lungomare Dante Alighieri, a Trapani, è chiuso per un guasto elettrico causato dal maltempo. 

Ma la situazione meteo peggiorerà: fino a domani il Centro-Nord sarà ancora il più colpito da precipitazioni a tratti abbondanti, soprattutto sui settori alpini, prealpini e appenninici. Poi da giovedì si formerà un ciclone mediterraneo che dal Nordest si sposterà verso Sud passando per il Mar Tirreno. A rischio di nubifragi e alluvioni saranno inizialmente il basso Veneto e l'Emilia Romagna, poi le regioni adriatiche centro-meridionali dall'Abruzzo alla Puglia e la Campania. Previsto anche il brusco crollo delle temperature in tutte le regioni, anche di 10 gradi.