Catania, 5 ottobre 2021 - Continua l'ondata di maltempo sull'Italia. Nel pomeriggio del 5 ottobre, poco dopo le 15.30, fortissime raffiche di vento seguite da pioggia e grandine si sono abbattute nel centro storico di Catania, causando seri danni anche alle abitazioni e agli esercizi commerciali.  Feriti, ombrelloni volati via, alberi sradicati, cartelloni divelti, tetti scoperchiati in diverse zone della città. Domani 6 ottobre scuole chiuse per consentire le verifiche sugli edifici. Lo ha annunciato il sindaco, Salvo Pogliese. Che ha scritto su Facebook: "Dopo il terribile, e imprevisto, fenomeno atmosferico ho deciso, d’intesa con il prefetto, di disporre la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado della città, dei parchi comunali e del cimitero, per consentire di verificare i danni". Poi il primo cittadino ripete l'invito alla prudenza e a "limitare gli spostamenti, per consentire alle squadre di emergenza di lavorare al ripristino rapido delle condizioni di sicurezza". Già sul sito del Comune si leggeva la raccomandazione "a non uscire di casa se non per motivi d'urgenza".

Previsioni meteo. Due cicloni: nubifragi, neve, crollo termico. Allerta protezione civile

Sono rimasti lievemente feriti tre atleti stranieri di canoa-polo che partecipavano a un torneo internazionale al porto, la zona più colpita della città. Sono stati soccorsi e trasferiti in ospedale per un principio di ipotermia. Notevoli i danni alle strutture di accoglienza della manifestazione sportiva e ad i campi gara in acqua. Sono state diverse le strutture sportive danneggiate a Catania e provincia dal maltempo: in città campi sportivi anche privati e a Cannizzaro, frazione di Aci Castello, è stato completamente divelta la copertura del PalaCannizzaro. Strade allagate come fiumi e alberi divelti, come sull’asse dei servizi. La zona più colpita è stata quella del porto-aeroporto. Fortemente impegnati nei soccorsi le forze dell’ordine, la protezione civile, regionale e comunale, e i vigili del fuoco. Lievemente feriti anche sei volontari della Misericordia  che stavano svolgendo attività di assistenza nell’infermeria allestita nel porto del capoluogo etneo per una manifestazione sportiva. Il forte vento  ha abbattuto la struttura da campo. 

"Da paura ragazzi, vento fortissimo e pioggia mista a grandine", scrive un utente su Facebook. In rete circolano video choc. "Volato tutto, allagata metà camera e mancata la luce", aggiunge un altro.  "È successo tutto all'improvviso, avevo il terrazzo pieno di clienti, un grande spavento per tutti - racconta nel pomeriggio del 5 ottobre al telefono Agata Caruso del Caffè del Duomo, nella piazza omonima della città -.  Un vento fortissimo  ha squarciato gli ombrelloni dei nostri tavoli e rotto i lampioni. Tutti i bar qui attorno hanno avuto seri danni. In altri locali gli arredi sono proprio volati via. Le piante sono state sradicate. La piazza è allagata, continua a piovere e c'è ancora vento. Ho fatto entrare tutti i clienti nel bar, è stata una mezz'ora di grande paura". 

Anche su Twitter, gli utenti spaventati pubblicano foto e video: "Qui a Catania c'è l'Apocalisse".

Sempre nella giornata di oggi una bomba d'acqua ha colpito Palermo, mentre ci sono state piogge intense anche ad Agrigento e Trapani

Escursionisti soccorsi

Doppio intervento per il Soccorso alpino e speleologico siciliano, impegnato con la Stazione Etna Nord in due soccorsi. Il primo per un uomo colto da malore, che in tarda mattinata assieme al figlio stava percorrendo i sentieri nella zona del Rifugio Citelli, sul versante nord dell’Etna. Raggiunto via terra, l’escursionista è stato portato fuori dalla zona impervia con una barella fino al piazzale del Rifugio Citelli, dove erano presenti i sanitari del 118 con un’ambulanza e con l’elisoccorso, che ha trasportato l’uomo al pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania. Nel pomeriggio, mentre sull’Etna imperversava un forte maltempo, un tecnico del SASS, accortosi di un’auto parcheggiata nel piazzale di Piano Provenzana e valutate le presenze dei turisti sul posto, ha raggiunto tre turisti francesi, colti dal temporale nella zona degli impianti di risalita. I tre, che si erano avventurati in escursione senza un adeguato abbigliamento, erano infreddoliti e impauriti dalla violenza del maltempo, ma per fortuna in buone condizioni di salute.

Allerta gialla 

Il 6 ottobre su tutta la Sicilia è allerta gialla. Il dipartimento di Protezione civile regionale ha diffuso un avviso di "rischio meteo-idrogeologico e idraulico" per temporali. Nell’avviso si prevedono "precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale". I venti saranno tendenti a "forti o di burrasca" settentrionali sui settori tirrenici, e tendenti a "localmente forti sud-occidentali sui settori ionici". Molto mossi i mari, soprattutto lo Ionio e i bacini occidentali.

 

La mappa di 3B Meteo