Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 giu 2021

Madre senza pietà: Saman è ribelle "Così disonora la nostra famiglia"

L’ira della donna quando nel 2020 le comunicarono il trasferimento della figlia in una struttura protetta

14 giu 2021
saverio migliari
Cronaca

di Saverio Migliari "È una vergogna per la nostra famiglia". Un’onta per chi è abituato a usare le donne come merce di scambio per conservare le ricchezze del proprio clan. Sono queste le disarmanti parole che la madre di Saman Abbas, diciottenne pachistana scomparsa il 30 aprile a Novellara (Reggio Emilia) e per cui si ipotizza l’omicidio e l’occultamento di cadavere, ha pronunciato nell’ottobre del 2020. A riportarle è una persona che prese parte all’incontro in cui i servizi sociali comunicarono alla famiglia che Saman sarebbe stata inserita in una casa protetta, lontana da chi voleva portarla in Pakistan con la forza. La prima reazione è stata quella della madre Nazia Shaheen, anche lei indagata (nella foto in alto, con il marito all’aeroporto di Malpensa il giorno in cui hanno lasciato l’Italia nel video mostrato ieri sera dal Tg1): "Come facciamo a spiegarlo in Pakistan? È un disonore, una vergogna per la nostra famiglia". Per poi scoppiare in lacrime, non tanto per quella figlia che sarebbe uscita di casa per chissà quanto, ma per il tradimento della promessa. Il padre Shabbar Abbas nel frattempo borbottava, racconta sempre la testimone dell’incontro, finendo per chiosare con un acido commento: "Mia figlia tanto fa sempre il contrario di quello che diciamo...". Ed è proprio così, a vedere le foto che Saman si scattava una volta liberatasi dal giogo famigliare: solare, sorridente, truccata, senza velo e vestita sgargiante come una qualsiasi adolescente. Un’immagine molto diversa da quella voluta dai genitori e affissa sul suo documento d’identità: un niqab nero a coprirle i capelli e il collo, gli occhiali da vista e nessun accenno di trucco. Nel frattempo a Novellara continuano le disperate ricerche del corpo della diciottenne, anche sotto un sole cocente e un’afa asfissiante. Condizioni climatiche talmente dure che ieri uno dei carabinieri impegnati nelle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?