17 ott 2020

"Ma ora basta, parliamo troppo del Covid". Il j’accuse di Massimo Fini al pensiero unico

"L’informazione è monopolizzata dal virus perché la nostra società è terrorizzata dall’idea della morte. E così rinunciamo a vivere"

massimo cutò
Cronaca
Massimo Fini, 76 anni, è un giornalista e saggista. Lavorò a Il Giorno negli anni ’80
Massimo Fini, 76 anni, è un giornalista e saggista. Lavorò a Il Giorno negli anni ’80
Massimo Fini, 76 anni, è un giornalista e saggista. Lavorò a Il Giorno negli anni ’80

"Non se ne può più dei giornali fatti così. E men che meno della televisione. Esiste un solo argomento: il Covid. È ora di fare marcia indietro e cominciare a parlare d’altro". L’abitudine alla battaglia è sempre quella, Massimo Fini non si smentisce. Firma prestigiosa, saggista. Soprattutto grande polemista. Capace di sparare sulle cose che non sopporta. Una in particolare, in questo momento storico. Bollettino Covid Italia del 17 ottobre Fini, cosa c’è che non va? "Siamo tutti malati. Il virus ha infettato i cervelli, non solo il resto del corpo. Lo sconquasso è evidente: la pandemia è il nuovo pensiero unico". Colpa di chi scrive o di chi legge? "Il Covid è diventato una stampella preziosa per i giornalisti. Non si sa come riempire le pagine? Basta parlare del contagio e il gioco è fatto". Ma è l’argomento principe: come si fa a ignorare quel che incide sulle vite di tutti? "Ci mancherebbe. Ma i media non prendono le giuste distanze. Leggo solo comunicati stampa, le cifre del comitato scientifico o come si chiama, le solite interviste ai soliti virologi". E invece? "E invece si deve tornare all’antico. Ricordo la lezione di Nino Nutrizio, mitico direttore de La Notte: il giornalismo si fa prima con i piedi e poi con la testa. Gli argomenti vanno annusati e trovati, dopo va dato senso e unità al materiale raccolto. Altrimenti non ci siamo: datemi i fatti, le opinioni me le faccio da solo". Andare, vedere, raccontare. Ma oggi le persone portano la mascherina, non sai neppure che faccia hanno... "Non dico che sia facile. Ma in genere la stampa si accontenta dell’ovvio. Il problema esisteva anche prima, il Covid l’ha amplificato all’ennesima potenza. La gente ha reagito in due modi opposti: ignorando le notizie o cercandole compulsivamente. Ma sono notizie i ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?