L’altra notte ignoti hanno appiccato il fuoco all’auto di Agitu Ideo Gudeta, pastora ed imprenditrice etiope di 42 anni, brutalmente uccisa il 29 dicembre 2020 da un suo collaboratore, Suleiman Adams, ghanese di 33 anni, reo confesso. L’auto di Agitu era parcheggiata sotto l’abitazione di Frassilongo, in valle dei Mocheni, in Trentino, dove la donna viveva e che è ancora sotto sequestro. Sembrano esserci pochi dubbi sulla natura dolosa dell’incendio, dal momento che i vigili del fuoco volontari di Frassilongo, avvisati poco prima della mezzanotte da un automobilista di passaggio, hanno trovato un finestrino rotto, attraverso il quale è stato verosimilmente lanciato un innesco nell’abitacolo.