Dopo Pier Ferdinando Casini, ieri anche i senatori Sandra Lonardo Mastella e Riccardo Nencini hanno annunciato che non voteranno la relazione del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Si tratta di "perdite" particolarmente significative per Conte perché tutti e tre avevano votato la fiducia martedì scorso. In quell’occasione i voti erano stati 156. Togliendo loro, almeno due senatori a vita che non andranno e altri che hanno mostrato perplessità, la maggioranza potrebbe non avere più di 148-150 voti