Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 apr 2022

L’ombra lunga del MeToo su Murray Cacciato dal set del suo ultimo film

"Atti inappropriati". Ma è giallo su che cosa abbia fatto, l’attore rischia l’espulsione da “Being mortal“

23 apr 2022
giovanni bogani
Cronaca
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi
Il 71enne Bill Murray è un icona pop del cinema e della tv statunitensi

di Giovanni Bogani #MeToo: ma non dovevamo non vederci più? E invece, rieccoci. Sul banco degli imputati, questa volta, Bill Murray. L’attore settantunenne protagonista di Lost in Translation, e – ere geologiche prima – di Ghostbusters, l’attore prediletto da Wes Anderson, che lo ha voluto anche nel suo ultimo film, The French Dispatch. Attore-icona, che il New York Times aveva definito "un santo laico". Beh, che cosa è successo? Che è stato accusato di "comportamento inappropriato" non meglio identificato sul set del film Being Mortal, che era nel bel mezzo delle riprese. La produzione, Searchlight Pictures, legata a Disney, ha scritto una mail a cast e troupe, avvisando che c’era stata una segnalazione di comportamenti inappropriati, e di dover "investigare". Produzione bloccata, e i più attendibili siti americani riconducono l’accusa all’attore. Nessun dettaglio, invece, sul tipo di comportamento, sulle circostanze, sui tempi in cui ciò sarebbe avvenuto. Il film rappresenta il debutto alla regia di Aziz Anzari, l’attore di origine indiana autore e interprete della serie Netflix Masters of None, e sarebbe dovuto arrivare in sala nel 2023. Al momento, non si sa se Bill Murray sarà sostituito. Sorte che è toccata al suo collega, uno con una carriera lunga un oceano e con una nomination all’Oscar, l’ottantaquattrenne Frank Langella. Langella, protagonista della serie Netflix La caduta della casa Usher, è stato licenziato dal set la scorsa settimana, dopo accuse di comportamenti inappropriati. Di che cosa sarebbe colpevole? Avrebbe raccontato una barzelletta a sfondo sessuale, e avrebbe toccato casualmente la gamba di un’attrice durante una scena, per poi dirle ridendo "ti è piaciuto?". Tanto è bastato a Netflix per cancellare il suo nome dal cast e decidere di girare di nuovo le scene con lui: scelta peraltro costosissima. Quindi: o c’è dell’altro, o Netflix ha adottato una politica che definire rigida ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?