Walter Ricciardi (Ansa)
Walter Ricciardi (Ansa)

Roma, 11 novembre 2020 - "In questo momento vediamo una circolazione intensissima delle persone nelle zone rosse", come mostrano le immagini di città come Milano", ma "anche nelle zone gialle, che vengono interpretate come un liberi tutti, come vediamo a Venezia, Napoli e Roma. Guardando queste scene, l'andare verso un lockdown rinforzato è nei fatti". Così Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e docente di Igiene all'università Cattolica, intervenendo oggi durante la trasmissione Agorà, su Rai 3. Nelle strutture sanitarie, ha aggiunto, "l'iter è in peggioramento, ci sono già ospedali che negano assistenza e interventi a pazienti cardiovascolari o oncologici e contemporaneamente non riescono ad assistere bene neanche i pazienti Covid".

Ordinanze diverse in Emilia Romagna, Veneto e Friuli. Zaia: "Domani firmo"

L'aspetto "più preoccupante - continua Ricciardi - è che il personale sanitario non ha più lo stesso spirito, perché è stato vilipeso, trattato male. Dopo la prima fase 'eroica' oggi è cambiata la situazione, si registrano fenomeni di ostracismo tra il personale medico e sanitario. La conseguenza è che molti non sono più disposti ad andare nei reparti Covid, perché li si rischia e in tanti hanno perso la vita".

Covid, "un gel su 2 contraffatto o pericoloso". Raffica di sequestri, l’allarme delle Asl

In questa seconda fase, inoltre, "come in tutte le seconde fasi, la gente è più insofferente, anche perché ha visto vanificati gli sforzi di marzo - avverte il docente -. Questo è il risultato di una serie di ritardi nel piano di preparazione, varato dal ministro Speranza il 6 aprile, ma che è stato realizzato a macchia di leopardo, per cui in certe regioni il tracciamento regge e in altre no, in alcune regioni nei pronto soccorso ci sono scene di guerra e in altre no. E questo si rispecchia nei comportamenti delle persone". A fronte di questo, ha concluso, "dobbiamo riabbracciare lo spirito nazionale e mettere da parte la rabbia, anche se è vero che qualcosa di meglio poteva esser fatto. Ma ora la situazione è peggio che nella prima ondata, perché ci avviciniamo al freddo e all'influenza".

Anticorpi monoclonali, "con questo trattamento impediremo al virus di penetrare nelle cellule"

Riguardo poi il caso della Campania, Ricciardi aggiunde: "Nell'area metropolitana di Napoli andrebbe fatta zona rossa, sono due settimane che lo dico", ma "bisogna differenziare: una cosa è Napoli e un'altra è Caserta, Benevento o Salerno. A Napoli, in alcuni ospedali si è arrivati oltre la soglia di saturazione nei reparti di terapia subintensiva e nell'arco delle prossime due settimane si saturano anche le terapie intensive, per non parlare dei pronto soccorso che sono già al collasso. C'è gente che sta in macchina per ore, a cui viene fornito l'ossigeno in auto. A voi sembra questa una zona gialla?".