Maurizio Gucci fu ucciso a Milano la mattina del 27 marzo 1995 nell’androne del palazzo che ospitava il suo ufficio: aveva 47 anni. Lo stilista venne seguito e freddato a colpi di pistola. Il killer fuggì sull’auto di un complice. Per gli investigatori l’ex moglie Patrizia Reggiani incaricò l’amica Pina Auriemma di assoldare i killer. In primo grado Reggiani fu condannata a 29 anni, scesi poi a 26 in appello. Nel 2014, dopo 17 anni di prigione, le venne concesso di scontare la pena ai servizi sociali. Auriemma scontò 13 anni e uscì nel 2010, come Ivano Savioni l’uomo cui si sarebbe rivolta per trovare il killer. Ques’ultimo, Bendetto Ceraulo, è ancora detenuto.