Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 ott 2020

Lo psichiatra Mencacci: "Esplosioni di violenza per futili motivi"

Il professore e i disagi della società. "Si crea una dinamica folle, che azzera la riflessione e l’impulsività prende il sopravvento"

19 ott 2020
giovanni rossi
Cronaca

"I fatti di Reggio Emilia e di Lanciano, così come la morte di Willy a Colleferro, colpiscono dritti in faccia per la loro insensatezza e violenza, ma in realtà nascondono un disagio molto più esteso". Claudio Mencacci, 67 anni, medico psichiatra, presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia e past president della Società Italiana di Psichiatria, nonché direttore del Dipartimento Neuroscienze e Salute mentale del Fatebenefratelli-Sacco a Milano, guarda alla cronaca con sguardo multidisciplinare. E cosa vede? "L’esplosione di comportamenti aggressivi e prevaricanti, indice di una gerarchia valoriale completamente ribaltata". In che modo? "Nessun senso della collettività. L’ego come religione unica. Siamo di fronte a un progressivo imbarbarimento che si manifesta con reazioni immediate, sproporzionate e inconsulte. Del tipo: hai suonato il clacson? Scendo e ti prendo a mazzate. Quante volte leggiamo notizie così? Perché se l’ego deborda, i ’futili motivi’ non esistono. C’è solo la presunta offesa alla quale reagire con immediatezza". Un codice piscologico e sociale che annichilisce anche il codice penale? "Esattamente. Oggi velocità e reattività – mutuate dalla tecnologia – rappresentano i valori guida. Una dinamica di impulsività e di irrazionalità che annulla ogni riflessività e si traduce in assoluta mancanza di empatia. Il nemico del momento va azzerato in quanto tale, indipendentemente dalla qualità del contrasto. È questo il meccanismo. E poi...". Dica pure... "Arroganza, prepotenza, tracotanza sono diventati ’valori’. Chi ne fa sfoggio ottiene ammirazione sociale. Questo clima di deresponsabilizzazione morale è ormai forte e sistematico. Sullo sfondo aleggia una totale mancanza di fiducia nel futuro. Chi perde la testa e poi spara – oppure prende a pugni – cavalca questo contesto e le sue rappresentazioni sui social media". Non ci sono concause? "Certo. L’impulsività e la sproporzione che emerge in molti fatti di cronaca è quasi sempre moltiplicata da fattori arcinoti quali consumo di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?