1 Lo schianto

Domenica 23 maggio, intorno a mezzogiorno, una cabina

della funivia che sta salendo da Stresa precipita poco

prima dell’arrivo sulla cima

del Mottarone. Sulle 15 persone a bordo, muoiono

in 14. Si salva solo

un bambino di cinque anni

2 I fermi

Nella notte tra il 25 e il 26 vengono fermate tre persone: l’amministratore della Funivie del Mottarone Luigi Nerini, il direttore dell’esercizio Enrico Perocchio (foto a destra) e il capo del servizio Gabriele Tadini. Restano in carcere fino

alla tarda serata di sabato 29.

3 La decisione del gip

Nella serata di sabato

la giudice per le indagini preliminari Donatella Banci Buonamici non convalida

i fermi: Nerini e Perocchio vengono scarcerati,

mentre per Tadini

vengono disposti

gli arresti domiciliari.