7 gen 2022

Liliana Resinovich scomparsa, il marito: "Spero non sia lei"

Trieste: Tac e autopsia sul cadavere ritrovato nel bosco. Sebastiano Visintin: "Avevamo una vita allegra e felice"

featured image
Liliana Resinovich, scomparsa il 14 dicembre

Trieste, 7 gennaio 2022 - La scomparsa di Liliana Resinovich e il cadavere nel bosco, a Trieste. Sono ore cruciali per le indagini. “Nei prossimi giorni verrà effettuata una Tac integrale sul corpo della donna rinvenuta senza vita l’altro ieri e subito dopo verrà eseguito un completo accertamento autoptico. Gli specialisti ai quali sono stati oggi conferiti i relativi incarichi sono il dottor Fabio Cavali e il dottor Fulvio Costantinides”. Così in una nota il procuratore capo di Trieste, Antonio De Nicolo, riguardo al ritrovamento, mercoledì pomeriggio, di un cadavere a San Giovanni a Trieste. In città si è in attesa di sapere se si tratta del corpo della 63enne Liliana Resinovich, scomparsa da casa lo scorso 14 dicembre.

Approfondisci:

Liliana Resinovich sparita e il cadavere nel bosco a Trieste: le 3 domande senza risposta

“Quei risultati - afferma De Nicolo - saranno determinanti per orientare la successiva attività di questo ufficio necessaria per fare completa luce sull’accaduto e per verificare tutti i profili penalmente rilevanti della vicenda. Nel frattempo proseguono le investigazioni da parte della squadra Mobile di Trieste, coordinate dal sostituto procuratore Maddalena Chergia, titolare del procedimento, finalizzate a raccogliere sul luogo del ritrovamento del corpo senza vita tutto quanto sia rilevante per ricostruire i fatti”.

Da quanto si apprende, la tac integrale dovrebbe essere eseguita lunedì mentre l’autopsia martedì. Gli investigatori confronteranno anche i sacchi e i sacchetti in cui è stato trovato il cadavere con quelli presenti nell’abitazione di Liliana Resinovich, dove al momento vive il marito Sebastiano Visintin

In attesa del riconoscimento ufficiale, c'è spazio per il ricordoAlle 18 dalla chiesa di San Giovanni è partita una 'fiaccolata' degli amici. 

Approfondisci:

Trieste, cadavere nel parco: è di Liliana Resinovich, scomparsa il 14 dicembre?

Il marito: "Spero non sia Liliana"

"Spero che la donna trovata morta non sia lei". Così oggi ha parlato Sebastiano Visintin, marito di Liliana, che ha partecipato a una iniziativa di alcuni residenti del rione di San Giovanni dove abita. Era scosso e provato.

"Sono molto colpito - ha detto - di come la gente conosca me, conosca la vita mia e quella di mia moglie. Avevamo una vita allegra e felice con tante persone che ci volevano bene. Non riesco a capire - ha aggiunto riferendosi all'amico della moglie - come quest'uomo sia entrato nella nostra vita visto che eravamo felici e spensierati assieme. Ha spezzato due vite". "Spero ancora che la donna morta non sia Liliana", ha concluso Visintin. 


 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?