1 La mossa di Italia Viva

La ’mediazione’ proposta dai renziani Faraone e Cucca punta sull’abolizione del concetto di "identità di

genere" dal ddl Zan: una delle richieste, tra l’altro, del ministro Mara Carfagna, leader dell’ala liberal di Forza Italia

2 Le conseguenze

A sobbalzare per primi sono

i dem, con Monica Cirinnà

e lo stesso relatore della legge, Alessandro Zan (foto): la mossa sconfessa quanto votato dalla stessa Iv alla Camera, e, secondo M5s e dem, è uno sgambetto che affossa il provvedimento

3 Cosa succede ora

Il ddl Zan, approvato in questa forma alla Camera, è bloccato al Senato. Appare difficile che, in un voto segreto, la legge possa essere approvata così com’è. Nel caso di una modifica al testo, però,

serve di nuovo l’ok

di Montecitorio