8 apr 2022

"Li interroghiamo, poi li uccidiamo" L’orrore svelato dalle intercettazioni

Conversazioni ‘rubate’ dagli 007 tedeschi: esecuzioni pianificate. "Soffochiamo la resistenza dei civili"

roberto giardina
Cronaca

di Roberto Giardina "Abbiamo ucciso un ciclista", si vanta un soldato russo al cellulare con un compagno. La foto della vittima riversa per strada, accanto alla bici, si vede in rete da giorni. Uno dei crimini compiuti a Bucha, la cittadina (35mila abitanti), a una trentina di chilometri da Kiev. "Una delle tante messe in scena degli ucraini", secondo Mosca. Il Cremlino smentisce ogni accusa. Ma il Bnd, uno dei servizi segreti tedeschi (Bundesnachrichtendienst), è riuscito a intercettare le conversazioni, con i telefonini e con la radio di campo, scambiate dai militari russi. Dovrebbe essere una prova incontestabile. Anche le foto dei satelliti si possono manipolare, più difficile, o impossibile, inventare le registrazioni, i diversi accenti, il gergo, le voci affannate dai combattenti. Dove e come reclutare gli attori in breve tempo? La notizia è riferita dallo Spiegel, che non specifica come e da dove siano state captate le telefonate, in chiaro, senza alcun codice o schermo di protezione. Le conversazioni registrate sono avvenute non solo nella fascia intorno a Kiev, ma anche a Mariupol sul Mar Nero, e nella parte meridionale del Paese. Diversi dagli episodi riferiti dai soldati sono confermati da foto e da filmati già noti, ma che secondo Mosca erano dei falsi. Il Bnd è considerato il servizio occidentale più efficiente da decenni per lo spionaggio nei Paesi dell’Europa orientale, grazie a una rete di informatori giudicati affidabile. Il documento è stato presentato mercoledì a una commissione del Bundestag, il Parlamento, a Berlino. Il dossier del Bnd proverebbe che i crimini non sono atti di singoli, di violenze incontrollate compiute da soldati sbandati, per vendetta, o perché in preda al panico. I russi si scambiano informazioni come se le loro azioni fossero normali, non atti straordinari, ma una sorta di rapporto sugli atti compiuti, come se fossero ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?