25 gen 2022

Lettere ai mafiosi in carcere Niente censure agli avvocati

Basta controlli sulle lettere tra i detenuti al 41 bis e i loro avvocati. Mentre sta per scadere l’ "ultimatum" al Parlamento sull’ergastolo ostativo – che se entro maggio non sarà stato modificato, verrà dichiarato incostituzionale – la Consulta torna a intervenire sul regime del carcere duro a cui sono sottoposti mafiosi e terroristi. E a eliminare un’altra restrizione, giudicata in contrasto con la Costituzione. Si tratta del visto di censura della corrispondenza tra i detenuti e i loro legali.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?