Lutto nel mondo del calcio. È morto a 28 anni Daniel Leone, ex portiere di Catanzaro, Reggina e Torres, spentosi dopo una lunga lotta con un tumore al cervello scoperto nel 2014, anno in cui fu costretto ad abbandonare l’attività agonistica. Originario del Casertano, Leone, dopo essere stato operato due volte, la prima agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, negli ultimi tempi si era sottoposto a cicli di chemioterapia che non sono serviti a sconfiggere la malattia. Il suo calvario era incominciato con un forte mal di testa che non passava mai. Da qui la diagnosi e le conseguenti cure. Nel gennaio 2015 il portiere era riuscito a tornare ad allenarsi. Per tre anni la carriera di Leone si rimise in moto: il giocatore passò per diverse squadre, dal Latina al Catanzaro. Sembrava che il male fosse sconfitto e invece si è ripresentato nel 2017, costringendolo a un secondo intervento al cervello. Su Instagram ha raccontato fino all’8 agosto la sua lotta contro il cancro. L’ultimo messaggio è una foto che lo ritrare all’interno di un’auto: "Guarda il tuo problema è digli: tu sarai il mio miracolo da raccontare".